Chi ha paura delle sanzioni alla Russia? E chi ha davvero il coltello dalla parte del manico?

Il nuovo muro di Berlino. Un attacco russo potrebbe far schizzare il petrolio a 150 dollari al barile, cosa che a sua volta provocherebbe una frenata del 3% del Pil mondiale e farebbe salire l’inflazione al 7%

Chi ha paura delle sanzioni alla Russia?

Alla fine la ministra degli Esteri tedesca Baerbock ha rassicurato gli alleati: anche Berlino fornirà aiuti economici all’Ucraina. L’annuncio arriva dopo che proprio la Germania ha ripetutamente rifiutato di fornire armi a Kiev, come invece hanno cominciato a fare molti altri alleati Nato.

Anche se al pari degli altri paesi Berlino ha promesso più volte “sanzioni storiche”, al chiuso dei tavoli negoziali ha cercato di addolcirle, per esempio ottenendo che tali sanzioni non contemplino l’estromissione della Russia dal sistema di pagamenti internazionali Swift. Si tratta solo di una questione di gas?

È naturale che sulle sanzioni gli europei procedano con maggiore cautela rispetto a Washington. La Russia è il quinto partner commerciale dell’Ue, mentre per gli Usa rientra a malapena nei top 30. Inoltre, circa il 40% delle importazioni di gas naturale europee arrivano da Mosca.

Certo, anche la Russia ha da perderci: dal 2014 le sanzioni Ue e Usa collegate al conflitto russo-ucraino sono costate 36 miliardi di dollari di mancate entrate commerciali. E se da un lato è vero che Mosca è abile a usare i rubinetti del gas a proprio vantaggio, la riduzione delle esportazioni verso l’Europa dell’anno scorso ha già causato una perdita netta del 20% delle entrate previste.

Eppure, sono le stesse sanzioni del 2014 a spiegare le esitazioni di Berlino. La Germania è stata colpita duramente, più di tanti altri paesi dell’Ue. Ecco perché, malgrado la minaccia unanime di nuove misure in caso di invasione, nella pratica la coesione a livello Ue manca.

Resta poi da valutare se, a prescindere da Berlino, davvero in Europa ci sia lo spazio politico ed economico per ulteriori sanzioni. Secondo JPMorgan un attacco russo potrebbe far schizzare il petrolio a 150 dollari al barile, cosa che a sua volta provocherebbe una frenata del 3% del Pil mondiale e farebbe salire l’inflazione al 7%. Non il massimo per l'economia mondiale ed europea, la cui ripresa post crisi pandemica procede più a rilento del previsto. Un gioco in cui non è chiaro chi abbia davvero il coltello dalla parte del manico.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Bruxelles, quinto pacchetto di sanzioni contro la Russia. Germania isolata

L’Ue vara il quinto pacchetto di sanzioni contro la Russia. Germania sempre più isolata

Ue
Strategie & Regole
Mosca accusa la Germania: “Atto di guerra”

Mosca accusa la Germania: “Atto di guerra”

Strategie & Regole
Il fallimento delle sanzioni occidentali

Il fallimento delle sanzioni occidentali: dall’economia russa una resilienza sorprendente

Economia

Giappone, Australia, Corea del Sud, Israele, Qatar, e Kenya. Anche questi paesi presenti alla riunione allargata voluta dagli Usa in Germania

Cambiano i confini dell’Occidente allargato che Washington sta serrando attorno a sé per farne strumento per vincere il braccio di ferro con la Russia (e spezzare l’asse di Mosca con la Cina) [continua ]

Global

La guerra trasforma l’Ucraina da paese povero a poverissimo. Il Pil 2022 a -35%

La crescita economica della Russia diminuirà del -8,5% quest’anno, secondo l’Fmi. Scendono anche le previsioni sul Pil globale: da +4,4% a +3,6%. L’Italia, che accusa la dipendenza energetica da Mosca, crolla dal 3,8% al 2,3%. La crisi avviene in un momento in cui l’economia globale non si è ancora pienamente ripresa dalla pandemia. Anche per questo motivo tutte le stime sono soggette a ulteriori modifiche. [continua ]

Economia
quoted business

La svolta americana: “Armi più potenti e istruttori per Kiev”. Gli ‘aiuti’ Usa all’Ucraina salgono a 2,6 mld. Brinda l’industria bellica

Nel pacchetto da 800 milioni di dollari obici, radar e elicotteri Mi-17. Il Pentagono crede che il conflitto sarà lungo e convoca le aziende produttrici di armamenti per studiare rifornimenti all'Ucraina di sistemi bellici occidentali. [continua ]

Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com