La Turchia, che ha il piede in due staffe, blocca il Bosforo alle navi da guerra

Dopo aver permesso alla Russia di dispiegare gran parte della sua flotta nella base di Sebastopoli, nella Crimea occupata nel 2014, la Turchia chiude l’accesso al Mar Nero

Ankara blocca il Bosforo alle navi da guerra

Stop alle navi da guerra nel Mar Nero. La Turchia ha infatti bloccato a tutte le navi militari l’accesso agli stretti del Bosforo e dei Dardanelli, che collegano il Mediterraneo e il Mar Nero. Come ha annunciato il ministro degli Esteri turco, Mehmet Cavusoglu, Ankara ha “avvertito tutti i Paesi litoranei e non litoranei di non attraversare lo stretto con le navi da guerra”. In base alla convenzione di Montreux del 1936, le navi militari di paesi in guerra non possono passare gli stretti, che sono sotto sovranità turca.

La Russia ha già dispiegato gran parte della sua flotta nella base di Sebastopoli, nella Crimea occupata nel 2014. L’analista turco Yoruk Isik sostiene tuttavia che nel Mediterraneo vi è ancora una serie di vascelli russi, alcuni appartenenti alla flotta nel mar Nero. L’Ucraina aveva chiesto il blocco del Bosforo alle navi russe subito dopo l’attacco di giovedì scorso.

In realtà, la Russia da Stato rivierasco del Mar Nero ha diritto a far rientrare le proprie navi presso le basi navali della Crimea, almeno fino a quando la marina russa non costituisca un pericolo per Ankara o la Turchia non diventi parte del conflitto.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

quoted business

La guerra in Ucraina prosegue. Ursula von der Leyen: “Le sanzioni europee alla Russia resteranno. Putin fallirà”

Sul fronte energetico, l’Ue punta a raccogliere 140 miliardi di euro dal tetto ai ricavi delle società energetiche. [continua ]

Ue
Strategie & Regole

La Cina è il più grande partner commerciale di Russia e Ucraina, e il più grande importatore di petrolio greggio e gas naturale al mondo

L’ambasciatore cinese negli Stati Uniti: “Il conflitto tra Russia e Ucraina non giova alla Cina. Se avessimo saputo, avremmo cercato di fermare la guerra” [continua ]

Strategie & Regole
La flotta russa attraversa il Canale di Sicilia

La flotta russa attraversa il Canale di Sicilia e va verso il Mar Nero. L’altro fronte della crisi ucraina

Strategie & Regole

Pil 2022: Russia -3,4%; Ucraina -35%

Secondo le stime del Fondo monetario internazionale, Italia e Germania in recessione nel 2023. Pil in frenata per Eurozona, Usa e Cina. L’India si conferma la grande economia a più rapida crescita. Il Giappone tiene. Cina al 3,5%, la crescita più bassa in più di quattro decenni. [continua ]

Economia
Ecco come Turchia, Russia e Cina vogliono spartirsi il continente

Ecco come Turchia, Russia e Cina vogliono spartirsi l’Africa

Global
Tre notizie segnalano la portata globale del conflitto tra Russia e Ucraina

Tre notizie segnalano la portata globale del conflitto tra Russia e Ucraina

Global

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com