Verso un cambiamento epocale, finisce l'era dei Castro

Nei prossimi giorni il parlamento cubano designerà il successore di Raúl alla presidenza. Il paese attraversa una grave crisi economica e sociale

Finisce l'era dei Castro. Si apre un cambiamento epocale
Raúl Castro

Nei prossimi giorni, il parlamento cubano designerà il successore di Raúl Castro alla presidenza del paese centro-americano. Sarà probabilmente il primo vicepresidente, Miguel Díaz-Canel, e sarà anche la prima volta che a governare Cuba ci sarà qualcuno senza il nome di Castro da quando Fulgencio Batista è fuggito dal paese nel 1958 e Fidel Castro ha preso il potere il primo gennaio del 1959.

Il successore di Raúl Castro

Si sa poco di Díaz-Canel, anche a Cuba. Nel corso degli anni ha saputo mantenere un basso profilo e, soprattutto, rimasto fedele al cognome che conta. La famiglia Castro continuerà a influenzare qualsiasi futuro governo sull’isola. Anche se si dimetterà dalla presidenza, Raúl Castro, 87 anni, rimarrà il segretario generale del Partito comunista (l'unico partito ufficiale, che definisce l'agenda dello stato) e manterrà il suo posto come capo delle forze armate, che controllano una larga fetta dell'economia nazionale.

Parlamento, un ostacolo alle riforme

Anche se il signor Díaz-Canel nutrisse celati desideri riformisti, si dovrebbe scontrare con gli oltre 600 delegati dell'Assemblea nazionale, che scelgono il presidente e il Consiglio di Stato - il più alto organo di governo – e che provengono dal ventre della rivoluzione.

Economia in sofferenza

Tuttavia, nel 2010, lo stesso Raúl Castro aveva ammesso che il sistema economico di Cuba stava fallendo. Il cordone ombelicale con il Venezuela che ha fornito fino ad ora a Cuba petrolio a buon mercato, si sta per spezzare. Le leggi del 2014 volte ad aprire l'economia agli investimenti esteri non hanno raggiunto i loro obiettivi. Anche i decantati successi della rivoluzione - sanità e istruzione – sono ormai sulla via della decadenza, messi in ginocchio dalla riduzione degli investimenti statali.

Fine del doppio tasso di cambio

Che il signor Díaz-Canel lo voglia o no, il paese deve affrontare difficili decisioni economiche. La principale sfida sarà l'unificazione del sistema a “doppia moneta” di Cuba, che consente di utilizzare un tasso di cambio fissato ad hoc per il commercio estero.

L’implosione di Cuba non conviene agli Usa

Ma il cambiamento non sarà indolore, anzi porterà inflazione e disoccupazione. Gli Stati Uniti lo sanno e farebbero bene a dare il loro contributo affinché l’implosione economica di Cuba non avvenga, anche perché produrrebbe disordini sociali e ondate di migranti verso le coste statunitensi.

Fonte

Articoli correlati

Dopo 40 anni l’isola ha un premier. E non è un ‘Castro’

quoted business

Dopo 40 anni Cuba ha un premier. E non è un ‘Castro’

Strategie & Regole
L'isola 'controlla' il Venezuela?

Cuba 'controlla' il Venezuela?

Strategie & Regole
Arriva la rete 3G. È ora possibile navigare sul web

Bbc

Cuba, rete 3G per tutti. O quasi

Innovazione
Rivoluzione sull’isola, verso l’economia di mercato

Rivoluzione a Cuba: economia di mercato, proprietà privata e investimenti esteri

Strategie & Regole

quoted business

Cuba, svolta digitale: wifi libero

Dal 29 luglio Cuba cambia. In parte. Il web diventa libero e la rete si estende anche ai privati. Chiunque potrà creare una propria rete, importare dall’estero i modem per trasmettere, installare un fascio di collegamento via cavo, wireless e perfino la fibra ottica. I cubani hanno fame di notizie e le autorità hanno capito di non poter fermare l’onda. Certo, i costi sono ancora proibitivi, ma scenderanno nel tempo. Ciò che conta è che finora internet era un’esclusiva del governo. [continua ]

Innovazione

Cuba, il salario medio mensile dei dipendenti pubblici non supera i 28 euro

Il salario medio dei dipendenti delle imprese statali di Cuba è equivalente a poco meno di 28 euro al mese, fattore che rende difficile la vita per chi rimane e incita tutti gli altri ad emigrare. Intervenendo alla Centrale dei lavoratori di Cuba, l'unica organizzazione sindacale dell'isola caraibica, il ministro del Lavoro cubano, Margarita González Fernández ha confermato che la retribuzione media mensile (ovvero la maggioranza degli occupati totali) è pari a 27,7 euro. [continua ]

Jobs & Skills

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com