Dopo il ‘no’ al Mes, la Spagna punta sul ‘Recovery Fund’

Dal Mes potrebbero arrivare solo 24 mld. Ma la Spagna ha bisogno di molto di più

Dopo il ‘no’ al Mes, Madrid punta sul ‘Recovery Fund’

Nei giorni scorsi la Spagna ha reso noto di non voler ricorrere al Meccanismo europeo di stabilità. Il governo iberico punta sul  ‘Recovery Fund’.

Inoltre, il Mes potrebbe concedere alla Spagna 24 miliardi di euro ma il paese ha bisogno di un sostegno ben più consistente. E, poi, sui mercati può strappare tassi di interesse più vantaggiosi rispetto a quelli (comunque bassi) offerti dal Mes. C’è, infine, da considerare lo ‘stigma’ economico-politico derivante dall’eventuale ricorso al Meccanismo in seguito a quanto accaduto negli anni scorsi alla Grecia.

Ecco perché la Spagna mira piuttosto al ‘Recovery Fund’ e conferma che utilizzerà il cosiddetto ‘Sure’, un altro strumento europeo messo a disposizione per affrontare l’emergenza coronavirus e dedicato a coprire i costi legati alla disoccupazione. Da questo programma potrebbero arrivare 10-12 mld per la Spagna.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

L'andamento del rapporto debito/Pil in Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Spagna

Osservando l’andamento del rapporto debito/pil nei cinque paesi selezionati emergono tre aspetti nodali 1) la tendenza a convergere da parte di Francia, Regno Unito e Spagna negli ultimi anni 2) la dimensione del debito italiano 3) la netta inversione di marcia della Germania dopo il 2012

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com