Patto di stabilità, Francia e Germania annunciano a sorpresa l’accordo

Il ministro delle Finanze francese Le Maire: “Accordo al 100 per cento”

Patto di stabilità, Francia e Germania annunciano a sorpresa l’accordo
Christian Lindner e Le Maire

C’è “accordo al 100 per cento” tra Francia e Germania sul patto Ue di stabilità e crescita. Ad annunciarlo è stato il ministro francese dell’Economia, Bruno Le Maire, nel corso di un punto stampa congiunto a Parigi con l’omologo tedesco Christian Lindner.

E il colpo di scena questa volta riguarderebbe anche l’Italia. “Abbiamo lavorato molto con i nostri amici italiani, in particolare con il ministro dell’Economia Giorgetti. Penso che siamo esattamente sulla stessa linea con l’Italia ed è anche un’ottima notizia che la Francia, la Germania e l’Italia siano finalmente allineate con questa nuova regola del patto di stabilità e crescita”, ha aggiunto Le Maire, alla vigilia dell’Ecofin straordinario del 20 dicembre.

Sembrerebbe la parola fine su uno stallo che sembrava impossibile da risolvere. Così, dopo settimane di difficili negoziati, pare ora più vicina l’intesa su nuove regole che stabiliranno un ritmo di riduzione del debito e del deficit più permissivo rispetto a quanto previsto in precedenza.  

In pratica, l’idea alla base delle regole riformate è quella di rendere possibile per i paesi più indebitati ridurre il loro fardello più lentamente di quanto previsto dalle regole precedenti (e sospese dallo scoppio della pandemia di Covid-19 in modo che i governi potessero uscire dalla recessione che ne sarebbe derivata) al fine di evitare il ricorso a misure di austerità.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Francia e Germania chiudono le porte all’Italia

La Germania blocca le procedure di accoglienza dei migranti. E la Francia annuncia rinforzi alla frontiera. Sullo sfondo il continuo rifiuto dell'Italia di consentire trasferimenti dalla Germania previsti dalla Convenzione di Dublino. [continua ]

Ue
Strategie & Regole
quoted business

Cambia il Patto di stabilità che quasi nessun Paese è riuscito a rispettare (Germania inclusa)

Dal 2009 al 2020 nessun Paese è riuscito a rispettare sempre il limite del 3% nel rapporto deficit/Pil, mentre dal 1999 al 2020 appena 8 paesi hanno sempre centrato l’obiettivo di stare al di sotto del 60% nel rapporto debito/Pil. Il caso della prima economia europea. [continua ]

Ue
Strategie & Regole
Spesa pro-capite in R&S: Germania 893 euro, Francia 557, Italia 257

Spesa aziendale pro-capite in R&S: Germania 893 euro, Francia 557, Italia 257

Ue
Innovazione
La Francia è il Paese che ha ricevuto la maggior quota dei fondi europei

La Francia è il Paese Ue che ha ricevuto la maggior quota dei fondi europei per l’agricoltura

Ue
Strategie & Regole
Aiuti di Stato, in Germania il 50% dei sostegni autorizzati dall’Ue
quoted business

Aiuti di Stato, in Germania il 50% dei sostegni autorizzati dall’Ue. In Italia e Francia il 15%

Ue
Strategie & Regole

Il tradimento di Francia e Germania. Entrambi i Paesi voltano le spalle all’Italia

Darmanin: “La Francia non accoglierà i migranti da Lampedusa”. Berlino: “Sì alla sorveglianza aerea e navale”. Se Francia e Germania non accettano l’idea che i migranti siano un ‘fatto’ europeo, inutile prendersela con Ungheria e Polonia. La redistribuzione dei migranti appare come un miraggio (ad oggi). [continua ]

Ue
Global

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com