Commissione all'Olanda. Bce alla Francia. Consiglio al Belgio. E all'Italia?

Nomine Ue: asse contro il candidato alla presidenza della Commissione, Frans Timmermans, tra i Paesi populisti e l’Italia. Ma potrebbe non bastare per fermare la corsa del socialista olandese

Commissione all'Olanda. Bce alla Francia. Consiglio al Belgio. E l'Italia?

L’Italia, con Polonia e Ungheria, è pronta a boicottare l’intesa raggiunta sul socialista olandese Frans Timmermans, che la cancelliera Merkel sarebbe pronta a sostenere.

Intanto Gian Carlo Giorgetti si sfila: non diventerà commissario. Ha spiegato di non sentirsi adatto a quel ruolo. A questo punto, per l’Italia, in pole c’è Moavero. Tornando a Timmermans, oltre alla bocciatura dell’esecutivo italiano, sorgono altri due problemi: il leader socialista proviene da uno dei Paesi che più si oppone a rivedere i vincoli Ue e che sfrutta le attuali regole a proprie favore (come Lussemburgo, Irlanda, Malta) offrendo condizioni fiscali particolarmente favorevoli alle imprese estere.

Nonostante l’opposizione di alcuni paesi, Timmermans potrebbe comunque ottenere l’incarico più ambito a livello europeo. La scelta, infatti, non va fatta all’unanimità ma con una maggioranza di almeno 22 Paesi che rappresentino il 60% della popolazione. E se la carta Timmermans andasse in porto, il candidato popolare, Manfred Weber – giudicato non abbastanza carismatico - avrebbe la strada spianata alla presidenza del parlamento Ue. Il premier liberale belga Charles Michel alla guida del Consiglio Ue e la popolare Kristalina Georgieva come successore della Mogherini alla Politica estera e di Difesa comune. Alla Francia andrebbe invece la presidenza della Bce, con il governatore della Banca centrale del paese transalpino, Villeroy de Galhau, che da mesi ha lanciato la sua campagna. 

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com