41bis a rischio. Le economie mafiose festeggiano

La decisione della Corte di Strasburgo (“l’Italia riformi la legge sull’ergastolo ostativo”) non è incomprensibile ma è esattamente quello che dai tempi di Totò Riina e il papello i mafiosi speravano. Ovvero l’eliminazione del cosiddetto “carcere duro”

41bis a rischio. Le economie mafiose festeggiano

La Corte di Strasburgo ha stabilito che l’ergastolo ostativo “viola i diritti umani e l’Italia deve procedere a una riforma dell’istituto”. Sebbene si comprendano sulla carta le ragioni (la tutela dei diritti umani per tutti) che hanno spinto la Corte a una simile decisione, questo non toglie che sia profondamente sbagliata. Anche perché il pronunciamento da Strasburgo mette automaticamente in discussione il 41bis. Il cosiddetto carcere duro per i mafiosi (che non si redimono).

E sembra “funzionare” così bene (il 41bis) da aver spinto già molti anni fa Totò Riina a inserire la sua eliminazione nel famoso “papello” durante la stagione stragista che ha lasciato una cicatrice incurabile nel nostro Paese. Un motivo in più per (ri)pensarci.

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com