La Brexit ridisegna il Parlamento europeo: la Lega diventa il primo partito

A perdere pezzi sono i partiti che a Maggio scorso si resero protagonisti dell’exploit: i liberali di Renew Europe e i Verdi. A beneficiare dell’addio dei britannici sono soprattutto i Popolari (che otterranno 5 parlamentari) e i sovranisti di Identità e Democrazia con 3 deputati

La Brexit ridisegna il Parlamento: la Lega primo partito

La Brexit ha un effetto anche sul Parlamento europeo, che ne esce ridisegnato. Così, dopo l’uscita del Regno Unito dall’Ue, il Parlamento europeo svolta a destra.

Dopo il definitivo addio dei 73 eurodeputati britannici cambiano infatti gli equilibri politici nell’Aula di Strasburgo, dove cresce il peso del Partito popolare europeo e dei sovranisti di Identità e Democrazia, il gruppo guidato dalla Lega, che diventa primo partito.

Dal primo febbraio, giorno uno dell’era Brexit, la già traballante maggioranza che ha sostenuto Ursula von der Leyen alla guida della Commissione rischia di subire uno scossone.

L’effetto della redistribuzione prevede che nuovi eurodeputati da 14 paesi dell’Ue sono chiamati a “riequilibrare l’attuale imperfetta attuazione del principio di proporzionalità” tra la popolazione e il numero dei suoi rappresentanti. In termini concreti, a Bruxelles giungono 5 francesi, 5 spagnoli, 3 italiani, 3 olandesi, 2 irlandesi e 1 deputato ciascuno da altri nove paesi.

A perdere pezzi sono, in particolare, i partiti che a maggio si resero protagonisti dell’exploit: i liberali di Renew Europe e i Verdi. A beneficiare dell’addio delle forze politiche britanniche sono soprattutto i Popolari (che otterranno 5 parlamentari) e i sovranisti di Identità e Democrazia (il gruppo della Lega) con tre deputati.

Articoli correlati

quoted business

Merkel: “La strada verso l’accordo sul Recovery Fund è dissestata. Apertura a compromessi”

Angela Merkel sollecita ancora una volta un accordo veloce in Europa sul Recovery Fund, sottolineando tuttavia che “la strada è dissestata e servirà molta disponibilità al compromesso”, in vista del Consiglio europeo del 17 luglio. “Di fronte all’attuale congiuntura economica il tempo stringe e conta ogni giorno - ha aggiunto la cancelliera -. Le misure eccezionali proposte dalla Commissione europea sono adeguate, anche perché limitate nel tempo e orientate all’obiettivo”. [continua ]

Ue
Strategie & Regole
Gentiloni risponde a Dombrovskis: “Sul Patto di stabilità serve saggezza”

Gentiloni risponde a Dombrovskis: “Sul Patto di stabilità serve saggezza”

Ue
Strategie & Regole
Rutte: “L’Italia deve imparare a farcela da sola”

Rutte: “L’Italia deve imparare a farcela da sola”

Ue
Strategie & Regole
Angela Merkel alla guida dell’Ue pone condizioni all’Italia

quoted business

Angela Merkel alla guida dell’Ue pone condizioni all’Italia

Ue
Strategie & Regole
I falchi europei sfidano l’Italia: “Forse a Roma i soldi non servono”

I falchi europei sfidano l’Italia: “Forse a Roma i soldi non servono”

Ue
Strategie & Regole

Merkel: “Il Recovery Fund da solo non basta a salvare l’Ue”

“Lavoro per convincere i Paesi che finora hanno approvato i prestiti, ma hanno respinto le sovvenzioni”. Lo ha detto la Cancelleria alla vigilia del semestre di presidenza tedesca Ue (che comincia il primo luglio) in un’intervista concessa ad alcuni quotidiani europei (La Stampa per l’Italia). E poi la cancelliera lancia all’Ue un messaggio forte e chiaro: con i fondi messi a disposizione si può fare molto, “ma il Recovery Fund non può risolvere tutti i problemi dell’Europa”. [continua ]

Ue
Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com