La Germania riapre le frontiere. Ma Italia e Spagna restano vietate

Ue: “Riaprire le frontiere tra Paesi con la stessa epidemiologia”

La Germania riapre le frontiere. Ma Italia e Spagna restano vietate
'Riaprire frontiere tra Paesi con la stessa epidemiologia'

In Germania stop ai controlli in area Schengen a partire da metà giugno. Ma per Roma e Madrid restano le restrizioni. “Austria, Francia e Svizzera ritengono che sia ancora troppo presto per aprire le frontiere con Italia e Spagna, perché sono Paesi molto colpiti dal Coronavirus”. Lo ha detto il ministro dell'Interno Horst Seehofer, precisando che questo è anche l’orientamento della Germania.

I controlli alle frontiere tedesche verranno allentati con alcuni Paesi, tra cui Austria e Lussemburgo, a partire da sabato prossimo, 16 maggio, anche se gli spostamenti resteranno vincolati a motivi di lavoro o familiari.

Le frontiere con Spagna e Italia resteranno invece del tutto chiuse, almeno fino al 15 giugno. “Non abbiamo una frontiera diretta con l’Italia e dunque la decisione passa per altri Paesi”, ha sottolineato Seehofer. 

Anche Bruxelles raccomanda cautela. “Le restrizioni ai viaggi ed i controlli alle frontiere Ue dovrebbero essere gradualmente revocati se gli sviluppi epidemiologici proseguono con l’attuale trend positivo e quando ci sarà un livello sufficientemente basso - ha spiegato la commissaria Ue agli Affari interni, Ylva Johansson -. Se questo non è subito possibile, le restrizioni ai viaggi ed i controlli alle frontiere dovrebbero essere revocati per le regioni, le aree e gli Stati membri con un’evoluzione positiva ed una situazione epidemiologica abbastanza simile”. 

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com