Dal parlamento europeo ok alla sorveglianza di massa di tutte le email

Con la scusa della pedofilia, l’Ue straccia le sue norme a tutela della privacy e consente per tre anni il controllo di massa di tutti i messaggi, i commenti e le email. Un’intelligenza artificiale controllerà tutto e in casi sospetti girerà la segnalazione agli organi di vigilanza

Dal parlamento europeo ok alla sorveglianza di massa di tutte le email

Una deroga ai principi generali, regalando un’altra legge a chi sogna un controllo di massa più invasivo. Accade nell’Ue, che pure fino a poco tempo fa era considerata la parte più avanzata del mondo in materia di tutela della privacy. Invece martedì 6 luglio il parlamento europeo ha varato, a stragrande maggioranza, una controversa normativa che permetterà ai provider di setacciare ogni mail, ogni commento, ogni messaggio scritto (dal filtraggio saranno esentati i messaggi audio). In deroga, appunto, al Gdpr, il regolamento europeo per la protezione dei dati.

Il pretesto? Sempre lo stesso, sempre quello che anche al di là dell’Oceano giustifica le norme che violano la privacy: la lotta alla pedofilia. La ‘deroga’ durerà tre anni. Nel senso che i 537 eurodeputati che hanno votato sì (appena 133, invece, quelli contrario) sanno bene che la norma – proprio perché in contrasto col Gdpr – probabilmente non passerà l’esame di un tribunale e che i ricorsi avranno molte possibilità di essere accolti.

Quei tre anni di sospensione, la deroga temporanea delle misure a tutela della privacy dovrebbero servire, quindi, nelle intenzioni dei promotori ad evitare la bocciatura. Come se si trattasse di una misura straordinaria, eccezionale e quindi non sanzionabile.

I provider potranno scansionare, visionare e controllare tutti i messaggi, tutte le immagini sui siti, sui social, addirittura nelle email alla ricerca di testi e foto sospette. Il tutto affidato all’intelligenza artificiale: se l’algoritmo leggerà un contenuto come pericoloso, trasmetterà la segnalazione, senza verifica umana, a un centro che poi la girerà alle polizie competenti. Senza che gli indagati siano avvisati di questa inchiesta virtuale.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Bruxelles, quinto pacchetto di sanzioni contro la Russia. Germania isolata

L’Ue vara il quinto pacchetto di sanzioni contro la Russia. Germania sempre più isolata

Ue
Strategie & Regole

L’Ue crea la sua mini-difesa. Ma quello che servirebbe è una politica estera comune

La decisione dell’Ue di dotarsi di 5.000 soldati e più fondi per gli armamenti non sposterà gli equilibri nel breve e medio periodo e si tradurrà comunque in un aumento del divario tra spesa per la difesa e integrazione, situazione esacerbata dall’assenza di una politica estera comune. A brindare all’iniziativa di Bruxelles è soprattutto l’industria militare, che può crogiolarsi in una spesa in costante crescita su base nazionale associata a inefficienze e duplicazione di progetti e costi. [continua ]

Ue
Strategie & Regole
quoted business

Draghi: “Questo Consiglio europeo è stato un successo”

Il premier italiano: “Più forte è la Difesa europea, più forte è la Nato. Comunque, i paesi dell’Ue spendono 3 volte di più rispetto alla Russia”. Per clima e Difesa occorrono più risorse: “Ma nei bilanci nazionali non c’è spazio…”. Poi spiega: “Importeremo di più da Canada, Stati Uniti, Argentina”. [continua ]

Ue
Strategie & Regole
Macron lancia il Recovery di guerra
quoted business

Macron lancia il Recovery di guerra

Ue
Strategie & Regole
51 obiettivi centrati. In arrivo dall’Ue 21 miliardi

51 obiettivi centrati. In arrivo dall’Ue 21 mld. Via libera all’Italia dalla Commissione

Ue
Strategie & Regole
Approvato il Chips Act. Von der Leyen: “Saremo noi la prossima rivoluzione”

L’Ue ha approvato il Chips Act. Von der Leyen: “La prossima rivoluzione sarà nel nostro continente”

Ue
Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com