Difesa, negli ultimi 22 anni la spesa è salita del 20% nell’Ue, 66% negli Usa, 292% in Russia e 592% in Cina

Svolta di Bruxelles: la Commissione europea propone di utilizzare denaro proveniente dal bilancio europeo per incentivare appalti in comune nell'acquisto di armamenti

Difesa, dal 1999 la spesa è salita del 20%

Dal 1999 al 2021, la spesa aggregata per la difesa nell’Ue è aumentata del 20% rispetto agli incrementi del 66% registrato negli Stati Uniti, del 292% in Russia e del 592% in Cina. Le cifre confermano come l’Europa della difesa sia stata in questi decenni un miraggio. Oggi, con l’uscita del Regno Unito dall'Ue e l’aggressione russa dell’Ucraina, il tema è tornato di attualità.

In tale contesto, per la prima volta nella storia comunitaria, la Commissione europea ha proposto il 18 maggio di utilizzare denaro proveniente dal bilancio europeo per incentivare appalti in comune nell’acquisto di armamenti. L’analisi presentata dall’organo di governo comunitario mette in luce due sfide. La prima è relativa alla necessità di coordinare l’aumento della spesa a livello nazionale. La sola Germania, ad esempio, ha annunciato di voler spendere 20 miliardi di euro per ricostruire le riserve di munizioni: se così facesse, assorbirebbe l’intera offerta europea. La seconda sfida è collegata alla necessità di utilizzare il momento storico per ridurre la frammentazione di un’industria europea, quella militare, che rimane segmentata a livello nazionale. La Commissione punta su due proposte da avviare nel breve termine.

La prima riguarda la nascita di una task force che deve servire a coordinare gli appalti pubblici dei 27 Stati membri nel settore della difesa. Al contempo, ed è la seconda proposta, la Commissione intende incentivare appalti in comune per l’acquisto di armamenti mettendo a disposizione dei paesi membri su un periodo di due anni 500 milioni di euro provenienti dal bilancio comunitario. Il Trattato proibisce l’uso di denaro comunitario per operazioni militari. Bruxelles giustifica l’uso del denaro europeo con l’obiettivo di rafforzare l’industria militare.

Più a lungo termine, l’esecutivo comunitario intende incitare i 27, attraverso una proposta di regolamento prevista nella seconda parte dell’anno, ad accettare una programmazione militare che sia sempre più congiunta con la collaborazione della Banca europea per gli investimenti, per esempio rafforzando il ruolo del volano comunitario nell’acquisto di materie prime indispensabili all’industria della difesa.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

L’Ue crea la sua mini-difesa. Ma quello che servirebbe è una politica estera comune

La decisione dell’Ue di dotarsi di 5.000 soldati e più fondi per gli armamenti non sposterà gli equilibri nel breve e medio periodo e si tradurrà comunque in un aumento del divario tra spesa per la difesa e integrazione, situazione esacerbata dall’assenza di una politica estera comune. A brindare all’iniziativa di Bruxelles è soprattutto l’industria militare, che può crogiolarsi in una spesa in costante crescita su base nazionale associata a inefficienze e duplicazione di progetti e costi. [continua ]

Ue
Strategie & Regole
Nasce la difesa comunitaria

Nasce la difesa Ue

Ue
Strategie & Regole
Mattarella: “Subito una politica estera e una difesa comune dell’Unione”

Mattarella a Ventotene: “Subito una politica estera e una difesa comune dell’Ue”

Ue
Strategie & Regole

Ue, via libera allo status di candidati a Ucraina e Moldavia. Ma per i paesi balcanici il vertice è stato un disastro

L’Alto rappresentante dell’Ue, Josep Borrell: “L’unanimità è un grande problema” nel prendere decisioni [continua ]

Ue
Strategie & Regole
Bruxelles, quinto pacchetto di sanzioni contro la Russia. Germania isolata

L’Ue vara il quinto pacchetto di sanzioni contro la Russia. Germania sempre più isolata

Ue
Strategie & Regole
quoted business

Draghi: “Questo Consiglio europeo è stato un successo”

Il premier italiano: “Più forte è la Difesa europea, più forte è la Nato. Comunque, i paesi dell’Ue spendono 3 volte di più rispetto alla Russia”. Per clima e Difesa occorrono più risorse: “Ma nei bilanci nazionali non c’è spazio…”. Poi spiega: “Importeremo di più da Canada, Stati Uniti, Argentina”. [continua ]

Ue
Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com