Dopo-Merkel, l’Spd sceglie Scholz. Un liberale di sinistra

L’attuale ministro delle Finanze guiderà i socialdemocratici nel voto del 2021. E’ vicino al mondo del business: voglio vincere, il governo deve cambiare

Dopo-Merkel, l’Spd sceglie Scholz. Un liberale di sinistra
Olaf Scholz

“Sono felice della candidatura e voglio vincere”. Lo ha detto a Berlino Olaf Scholz, designato alla candidatura per correre alla cancelleria nel 2021 dai leader dell’Spd, il partito socialdemocratico tedesco, ora al governo insieme alla Cdu di Angela Merkel.

Ma Scholz, la cui candidatura è pensata proprio per il dopo-Merkel, ha sottolineato che “la campagna elettorale non inizia oggi. Il Coronavirus impone di continuare a lavorare sodo nell’attuale coalizione di governo”, dove il membro dell’Spd ricopre l’incarico di ministro delle Finanze. Che ha, poi, aggiunto: “Non è troppo presto per pensare a cosa accadrà alla Germania nei prossimi dieci anni”. 

Olaf Scholz, 62 anni, è nato a Osnabrück, in Bassa Sassonia, e questo fa di lui un ‘quiddje’, termine scherzoso usato dagli abitanti di Amburgo per descrivere chi non ha proprio tutte le carte in regola con il pragmatismo.

Non la pensano evidentemente così i vertici dell’Spd.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com