Merkel torna a parlare del rapporto con Putin e dell’episodio del cane. Ma nessuna autocritica

L’ex cancelliera: “Non fu un errore la diplomazia con Putin”. E respinge le accuse di poco lungimiranza, soprattutto in tema di dipendenza energetica (da Mosca)

Merkel torna a parlare di Putin e dell’episodio del cane. Ma...

Una fase post-Merkel così spiacevole e dura non poteva certo immaginarlo. Negli ultimi mesi, in seguito all’invasione russa dell’Ucraina, è emersa la modesta lungimiranza della politica economica tedesca nel decidere di affidarsi sostanzialmente a un solo paese, la Federazione russa, per il proprio fabbisogno energetico, anziché diversificare le proprie fonti di approvvigionamento.

Il ritorno. Ora, dopo mesi di silenzio e di accuse lanciate contro l’era Merkel (durata 16 anni) anche se in realtà la dipendenza energetica da Mosca affonda le proprie radici in periodi ben precedenti, l’ex cancelliera torna a parlare, rilasciando un’intervista alla ‘Berliner Ensamble’, per dire parole chiare sulla sua politica e sul suo ruolo.

Mosca-Kiev. La brutale guerra all’Ucraina mossa da Putin “non ha alcuna giustificazione, nessuna scusante”, ed è “un grande errore, che viola tutte le norme internazionali”. “Ho sempre cercato un modus vivendi che non portasse alla guerra. Una coesistenza con la Russia”. Oggi la situazione è diversa. “L’Ucraina non può esser lasciata sola”.

Formato Normandia. “Non posso rimproverarmi di non aver tentato abbastanza. È triste che non sia riuscito, ma per fortuna io ci ho provato a sufficienza”, ha detto citando gli sforzi diplomatici del formato Normandia, assieme al presidente francese. L’Europa deve anche chiedersi “cosa possa fare”, rimarcando che “non porterebbe bene” una collaborazione fra Russia e Cina.

Incontro con il cane di Putin. L’ex cancelliera ha raccontato anche qualche dettaglio inedito. “Ora posso dire che, quando visitai Putin a Sochi, nella famosa visita del cane, lui mi disse che la caduta dell’Urss era stata la più grande catastrofe del Ventesimo secolo. Io gli risposi che per me era stato fra gli eventi più belli della mia vita”. La guerra fredda per lui non è mai finita, e non si è riusciti a costruire un’architettura securitaria che tenesse, la chiosa. No, l’accoglienza con quel cagnone (famoso in effetti) non era affatto un gesto amichevole, ha spiegato: “Sapeva che ne avevo paura. Ma una brava cancelliera deve cavarsela anche con un cane”, ha ironizzato.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Stop della Russia al gas per Polonia e Bulgaria

Stop della Russia al gas per Polonia e Bulgaria

Strategie & Regole
quoted business

Mosca esce dal Consiglio d’Europa: “I paesi della Nato e l’Ue ostili alla Russia. Lasciamo che si divertano a comunicare tra loro”

La frattura tra la Federazione russa e l’Occidente appare sempre più irreversibile. Ma cosa è il Consiglio d’Europa? [continua ]

Strategie & Regole
La Russia taglia il gas del 40%

La Russia taglia del 40% il gas che passa attraverso il Nord Stream 1

Energie & Risorse
La Russia reagisce e minaccia di tagliare il gas alla Finlandia

La Russia reagisce e minaccia di tagliare il gas alla Finlandia

Energie & Risorse

Che fai, rub(l)i? Le big europee dell’energia accontentano Putin

Da Washington Draghi ha (quasi) aperto al pagamento del gas russo in rubli: “Il più grande acquirente, la Germania, ha già pagato in rubli e la maggior parte degli importatori hanno aperto conti in rubli”. Da una parte, i paesi europei continuano a sovvenzionare il conflitto acquistando combustibili fossili dalla Russia. Dall’altra, inviano armi per sostenere la difesa del popolo ucraino. Un’ipocrisia evidente. La questione cruciale intanto rimane: l’Ue deve decidere se continuare ad acquistare il gas russo oppure no [continua ]

Energie & Risorse
Paghiamo alla Russia una bolletta energetica di 1 mld di euro al giorno

L’Europa paga alla Russia una bolletta energetica di 1 miliardo di euro al giorno

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com