California, donne per legge nei cda delle società quotate in borsa

California, donne nei cda per legge
James Brown, governatore della California

La California è diventata il primo Stato americano a richiedere alle società quotate in borsa di includere donne nei consigli di amministrazione. La nuova legge, firmata dal governatore Jerry Brown, prevede che almeno una donna sia presente nei cda di ciascuna società con sede in California entro la fine del 2019. Dal 2021 il limite minimo passerà da 1 a 2-3 (a seconda della dimensione del board) nei consigli composti da almeno cinque membri. Chi non rispetterà la norma sarà sanzionato.

“È ora che i cda delle aziende includano persone che rappresentano più della metà della popolazione statunitense” ha dichiarato Brown. E, così, anche i giganti della Silicon Valley come Facebook, Tesla, Alphabet e Apple dovranno adeguarsi.

Si tratta della prima legge sulle “quota rosa” negli Usa, sebbene questo tipo di riforma sia stata già adottata da anni in alcuni paesi europei. In realtà, secondo uno studio di PwC, la maggior parte delle aziende dello S&P 500 - il più importante indice azionario nordamericano formato dalle 500 aziende statunitensi a maggiore capitalizzazione - ha già almeno una donna nei consigli di amministrazione, anche se soltanto una su quattro ne ha più di due nel board.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com