Il Super Tuesday delle primarie Usa

Biden, che va oltre ogni rosea aspettativa, vince in 8 stati. Sanders prevale in Colorado, Vermont, in Utah e soprattutto California. Grande la delusione in casa di Michael Bloomberg. Un altro flop per la senatrice Elizabeth Warren

Il Super Tuesday delle primarie
Joe Biden (a sx) e Bernie Sanders

Joe Biden vola nella notte del Supertuesday e, nei primi stati in cui si sono chiusi i seggi, va oltre ogni rosea aspettativa, con il trionfo in Virginia e la conquista di North Carolina, Oklahoma, Tennessee, Alabama, Minnesota, Arkansas e Massachusetts.

In tutto otto stati che al momento lo potrebbero far saltare in testa nella conta dei delegati con Bernie Sanders, che prevale in Colorado, Vermont, Utah e soprattutto California.

Deluso Sanders, anche se la vittoria in California, lo stato più importante insieme al Texas nel Supertuesday, gli restituisce fiducia.

Altro stato d’animo per Biden. Dopo la conquista della South Carolina di sabato scorso e l’endorsement di Pete Buttigieg e Amy Klobuchar, per l’ex presidente una nottata che lo ripaga dello scetticismo che finora aveva avvolto la sua corsa.

Sconfitto Michael Bloomberg. L'ex sindaco di New York vince solo nelle Samoa Usa e non sfonda negli stati su cui aveva puntato come Virginia e Arkansas, sovrastato appunto da Biden. 

Ancora un flop per la senatrice Elizabeth Warren.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com