La Corte Suprema a Trump: “Pubblichi la dichiarazione dei redditi”

La sentenza su richiesta dei procuratori dello Stato di New York. Il Presidente Usa: “Persecuzione politica”. Intanto il paese registra un altro record di contagi: 65 mila nuovi positivi al Covid nelle ultime 24 ore

La Corte Suprema a Trump: “Pubblichi la dichiarazione dei redditi”

La Corte Suprema degli Stati Uniti d'America ha dato il via libera alla procura di New York perché acquisisca la dichiarazione dei redditi di Donald Trump. La Corte ha respinto dunque la richiesta dei legali dell’inquilino della Casa Bianca di garantire ai presidenti in carica la completa immunità da inchieste penali. La sentenza, decisa a grande maggioranza, ha delicate implicazione politiche anche se non è detto che il materiale sia acquisito prima del voto per le presidenziali.

“Questo è un procedimento tutto politico. Ha vinto la caccia alle streghe”. Con queste parole ha commentato la sentenza il presidente Usa.

Ma le grane per Trump non finiscono qui. Nelle ultime 24 ore è stato registrato un nuovo record di contagi negli Usa: oltre 65.000 nuovi casi. In totale i positivi sono 3,11 milioni. Le vittime oltre 133 mila.

L’immunologo Anthony Fauci mette ancora in guardia l’amministrazione degli Stati Uniti: “Sono scettico nel ritenere che la pandemia possa essere tenuta sotto controllo senza un vaccino”.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com