Lo sciamano italoamericano che ha guidato l’assalto al Congresso

Si chiama Jake Angeli ed è un seguace della teoria complottista di QAnon. Ma sarebbe un errore pensare che il fronte pro-Trump sia rappresentato soltanto da questi personaggi improbabili

Lo sciamano italoamericano che ha guidato l’assalto al Congresso
Jake Angeli

Si chiama Jake Angeli ed è un italoamericano l’ultras pro-Trump vestito da sciamano immortalato tra i manifestanti che sono riusciti a fare irruzione nella sede del Congresso degli Stati Uniti.

Bandiera statunitense in mano, viso dipinto con i colori del vessillo Usa, indosso una pelliccia e sul capo un cappello con le corna da vichingo, Jake, 32 anni, è stato uno dei leader della protesta. È un seguace di QAnon, la teoria del complotto secondo cui i poteri occulti di un Deep State hanno tentato in tutti i modi di rovesciare Trump.

Ma sarebbe un errore pensare che il sostegno a Trump si esaurisca con i personaggi che hanno attaccato Capitol Hill. Il ‘trumpismo’ è appoggiato da una quota di statunitensi ben più ampia di quello che si possa immaginare. È per questo motivo che all’indomani delle elezioni numerosi analisti hanno evidenziato che la politica economica e in particolare quella estera non cambieranno molto nella sostanza con Biden.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com