L'Algeria si infiamma

Si infiamma il paese africano più esteso

Da una settimana, migliaia di algerini stanno protestando in tutto il Paese contro la decisione del Presidente Abdelaziz Bouteflika di candidarsi per un quinto mandato alle elezioni di aprile. L'81enne presidente è malato da tempo ed è in cura presso un ospedale svizzero. L'annuncio ha portato alle più grandi rivolte di piazza dai tempi della primavera araba del 2011. Bouteflika è presidente della nazione dal 1999 ma è quasi completamente assente dal 2013, quando fu colpito da un ictus. Cinque anni dopo, la sua salute resta un punto interrogativo.

Le difficili condizioni economiche in cui versa il Paese - il più grande per estensione dell'Africa e il nono Stato più popoloso del continente con oltre 42 milioni di abitanti - rendono lo scenario politico ancora più incandescente. Il 30% dei giovani algerini non ha lavoro, la disoccupazione per chi ha meno di 30 anni tocca punte del 54%. Il forte calo delle entrate in questo Paese dipendente dal petrolio - le riserve di valuta estera sono meno di 80 miliardi di dollari – ha poi peggiorato la situazione. L'Algeria ha ricevuto più di mille miliardi di dollari dai proventi del greggio nel periodo 2000-2013, ma la corruzione e la cattiva gestione hanno ostacolato la crescita e la competitività del paese su scala globale.

L'Algeria è allo stesso tempo un importante fornitore di energia per l'Europa. Il Paese è il terzo maggiore fornitore di gas all'Ue e l'Ue è il maggiore importatore di gas algerino. Dunque, una dipendenza biunivoca, che assume ancora più importanza vista l’instabilità cronica della vicina Libia.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

L’Algeria e il gioco delle tre carte: fornisce più gas all’Italia, ma taglia quello consegnato alla Spagna

Ora l’Italia dipende meno da Mosca e più da Algeri, passando tuttavia da una dittatura ad un’altra. In compenso l’Italia può candidarsi a diventare l’hub europeo del gas proveniente dal nordafrica. Ma a quale prezzo geopolitico ed economico? [continua ]

Strategie & Regole
Gas, il Paese non riesce a rispettare il contratto siglato con l’Italia

Gas, l’Algeria ora scopre di non essere in grado di rispettare il contratto siglato con l’Italia

Energie & Risorse
Frase del giorno - Numeri

Nei primi cinque mesi dell’anno, grazie alla vendita di petrolio e gas naturale, sono entrati nelle casse algerine 21,5 miliardi di dollari, più 70% rispetto al 2021.

Energie & Risorse
Da una dittatura a un’altra: gli oligarchi algerini sono tanto meglio di qu
quoted business

Da una dittatura a un’altra: gli oligarchi algerini sono tanto meglio di quelli russi?

Energie & Risorse
2/3 dei Paesi Nato hanno esaurito le scorte di armi

2/3 dei Paesi Nato hanno esaurito le scorte di armi

Strategie & Regole

“La corruzione all’interno della Fifa è dilagante, sistemica e profondamente radicata”

Il Parlamento europeo approva una risoluzione con cui si chiede alla Federazione internazionale e al Qatar di risarcire tutte le vittime dei preparativi per i mondiali di calcio. Secondo i deputati, per porre fine alla pratica del cosiddetto “sportswashing”, gli eventi sportivi internazionali non dovrebbero essere assegnati ai paesi che violano i diritti fondamentali e umani e dove la violenza di genere è sistematica. [continua ]

Ue
Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com