L’Algeria e il gioco delle tre carte: fornisce più gas all’Italia, ma taglia quello consegnato alla Spagna

Ora l’Italia dipende meno da Mosca e più da Algeri, passando tuttavia da una dittatura ad un’altra. In compenso l’Italia può candidarsi a diventare l’hub europeo del gas proveniente dal nordafrica. Ma a quale prezzo geopolitico ed economico?

Fornisce più gas all’Italia, ma taglia quello consegnato alla Spagna

Mario Draghi, accompagnato a una folta squadra di 6 ministri su 15, è stato in Algeria per discutere un aumento delle forniture di gas. In realtà sono stati siglati 15 tra accordi e memorandum di intesa. Un vertice cha arriva a pochi mesi da un’altra visita del premier, che aveva portato alla firma di un ‘partenariato strategico ed energetico’. E, difronte alla notizia, in molti hanno esultato: se arriva più gas, in questa fase, è senza dubbio una buona notizia.

Negli ultimi mesi, intanto, il paese nordafricano ha sostituito la Russia come principale fornitore dell’Italia. Da parte sua, però, Algeri è consapevole di poter negoziare da una posizione di forza. E tutta lascia pensare che non farà sconti. E qui sorge il primo problema (legato al prezzo, destinato a crescere).

Nelle settimane scorse, l’Algeria ha annunciato di voler rinegoziare tutti i contratti in essere con i paesi europei. Non una sorpresa: il ‘gas a pronti’ in Europa attualmente costa 170-180 euro al megawattora, mentre l’Algeria lo vende all’Italia a circa 40 €/MWh (indicizzandolo al petrolio, non al gas).

La stessa posizione di forza permette ad Algeri di usare l’oro blu in chiave politica: ecco il secondo problema. Da novembre del 2021, infatti, l’Algeria ha chiuso uno dei due gasdotti che la collega alla Spagna, quello che passa dal Marocco. E lo ha fatto in ritorsione al riconoscimento iberico della sovranità marocchina sul Sahara occidentale, da tempo sotto il controllo algerino. Attenzione, dunque, a non far irretire il presidente del paese nordafricano.

Anche a un altro aspetto, apparentemente paradossale, occorre porre attenzione. I flussi di gas algerino che raggiungono l’Ue stanno diminuendo. Nella prima metà del 2022 l’Algeria ha inviato verso i paesi comunitari quasi il 20% di gas in meno. E, secondo alcuni analisti, temono si tratti di un calo strutturale.

L’aumento delle forniture all’Italia è dunque frutto di un gioco di prestigio, in cui la Spagna perde ciò che Algeri invia verso lo Stivale. E così Madrid è costretta a virare verso il Gnl, pagando più del quadruplo per gli stessi volumi. Un antipasto di quello che potrebbe accadere il prossimo autunno, quando i 27 paesi potrebbero trovarsi ad affrontare carenze di gas.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

quoted business

Draghi: “Accordo con l’Algeria su energia e gas”. La risposta del governo italiano alla dipendenza da Mosca (passando da una dittatura a un’altra)

Draghi, Di Maio, Cingolani e Descalzi in missione ad Algeri centrano l’obiettivo di sostituire un terzo del gas russo: assicurati 9 mld di metri cubi aggiuntivi attraverso il gasdotto TransMed. Il problema però non è diversificare a prescindere. L’accordo con il paese nordafricano aggira l’ostacolo, non lo risolve: gli oligarchi algerini sono forse tanto meglio di quelli russi? [continua ]

Energie & Risorse
Gas, il Paese non riesce a rispettare il contratto siglato con l’Italia

Gas, l’Algeria ora scopre di non essere in grado di rispettare il contratto siglato con l’Italia

Energie & Risorse
Ripresi i flussi di gas dalla Russia all'Italia

Ripresi i flussi di gas dalla Russia all'Italia

Economia
Gas, l’Algeria alza il prezzo delle forniture all’Europa. Un bel guaio

Gas, l’Algeria alza il prezzo delle forniture all’Europa. Un bel guaio per il Vecchio continente

Energie & Risorse

Italia, crollano le estrazioni di gas e aumenta la dipendenza dall'estero. Eppure esportiamo oro blu

Diminuisce l’uso dei giacimenti a chilometri zero ma bruciamo più metano e lo importiamo dall’estero con un rilevante impatto ambientale. Il contributo del gasdotto Tap, la ripresa dell’Algeria e il fatto che la Russia abbia continuato a esportare verso l’Italia hanno dato disponibilità aggiuntiva e a prezzi competitivi che ha consentito anche il fenomeno dell’export (seppur in piccole quantità). [continua ]

Energie & Risorse
In Europa sempre meno gas: costretti a stare al gioco di Russia e Usa
quoted business

In Europa sempre meno gas: costretti a stare al gioco di Russia e Usa

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com