Manca la CO2, birra razionata nel Regno Unito

La carenza di anidride carbonica ha costretto un importante grossista britannico a limitare la quantità di birra distribuita ai pub

Manca la CO2 e la birra viene razionata

Prendere una pinta di birra a Londra è un po' più complicato in questi giorni. Il motivo è la carenza di anidride carbonica, quella CO2 determinante nel processo di produzione delle bionde, che ha costretto un importante grossista britannico a limitare la quantità di birra distribuita ai pub.

Razionamento

Booker, una divisione di Tesco, limita i clienti a 10 casse di birra al giorno. La mossa arriva una settimana dopo che Heineken ha avvertito che i barili di alcune birre, incluso Amstel, potrebbero non essere disponibili in Gran Bretagna. Il razionamento avviene nel peggior momento possibile per birrai e distributori, ovvero durante i mondiali di calcio.

Solo 5 aziende produttrici

Questo incidente di percorso mette in evidenza che l'Europa settentrionale può vantare appena cinque produttori di CO2, dei quali soltanto uno è attualmente operativo nel Regno Unito.

Non solo birra

Oltre la birra, la carenza di CO2 ha un impatto anche sull'industria della carne, poiché il gas viene utilizzato per stordire gli animali prima di essere macellati. Inoltre, prolunga la durata di conservazione degli alimenti come carne e insalate confezionate.

Fonte

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com