Addio a Gilberto: dai maglioni alla finanza, il regista dei Benetton

Addio a Gilberto: dai maglioni alla finanza, il regista dei Benetton
Gilberto Benetton

Raccontano che sia stato all’apice della sua carriera fino a giugno quando vedeva prosperare e crescere l’impero Benetton. Soprattutto nei trasporti dove il suo progetto era quello di creare un colosso mondiale di autostrade con partecipazioni anche in Sudamerica e nella gestione degli aeroporti di Roma e Nizza. Gilberto Benetton si è spento nella sua casa di Treviso a 77 anni. Lascia la moglie Lalla e due figlie, Barbara e Sabrina.

Negli ultimi mesi aveva accusato due colpi durissimi: il 10 luglio la morte del fratello più giovane Carlo e il 14 agosto la tragedia del Ponte Morandi di Genova con 43 morti e circa un migliaio di sfollati.

Ma oggi Atlantia con la spagnola Abertis può contare su un fatturato di oltre 11 miliardi di euro e controlla 14 mila chilometri di autostrade.

Nato nel 1941, Gilberto perde il padre all’età di 4 anni e a 14 lascia la scuola. Sin dall’inizio cura gli interessi dell’impero Benetton per diventare, poi, il regista della diversificazione nelle infrastrutture, nell’immobiliare e nel retail. La cavalcata di Gilberto nell’imprenditoria italiana comincia nel 1965 quando si unisce ai fratelli Luciano e Giuliana nell’azienda dei “maglioni gialli”, inventati dalla sorella. Gli affidano la parte finanziaria.

Dopo la crescita in Italia negli anni '70, dieci anni dopo Benetton è un colosso internazionale della moda: più di mille centri vendita in Italia, 250 in Germania, 280 in Francia, 100 in Inghilterra. Nel 1986 la quotazione in Borsa e il Team Benetton lancia in Michael Schumacher Formula 1.

Negli anni '90 Gilberto inaugura la stagione della diversificazione delle attività di famiglia: nel ’94 l’acquisizione dei supermercati Gs e di Autogrill. Allora il gruppo di ristorazione fatturava circa 300 milioni di euro, oggi i ricavi sono lievitati a 4,5 miliardi.

Nel 2000 Benetton vende Gs e acquista Autostrade dallo Stato. È il primo mattone per costruire un colosso dei trasporti. Nel 2003 il secondo con l’ingresso negli Aeroporti di Roma.

Poi negli ultimi due anni l’impero Benetton centra altre tre acquisizioni: l’Eurotunnel che collega la Francia al Regno Unito, oltre alla doppia operazione in Spagna con l'acquisizione delle torri Cellnex e le autostrade Abertis.

Se Gilberto è riuscito a raggiungere questi risultati è anche perché ha capito quanto fossero importanti le pubbliche relazioni. E, infatti, ha sempre lavorato al fianco di soci importanti come la Fondazione Crt, i fondi internazionali di Singapore e Abu Dhabi, oltre a Mediobanca (di cui è ancora socio) e Goldman Sachs.

Non era, tuttavia, solo finanza. Gilberto, carattere schivo, amava lo sport. La sua grande passione è stata il basket, ma ha finanziato anche la pallavolo e il rugby.

Articoli correlati

Huawei: “Investimenti per 3 mld in 3 anni”

Huawei: “Investimenti in Italia per 3 miliardi di dollari in 3 anni”

Corporate
Alitalia: Fs ha scelto Atlantia, guidata dalla famiglia Benetton

Alitalia: Fs ha scelto Atlantia, guidata dalla famiglia Benetton

Corporate
Alla fine saranno i Benetton a “salvare” Alitalia

Alla fine saranno i Benetton a “salvare” Alitalia

Corporate

quoted business

Ex Ilva, la procura spegne l'Altoforno 2: "Non rispettate le prescrizioni sulla sicurezza". Verso la chiusura?

La procura ha ordinato ieri lo spegnimento dell'Altoforno numero 2. Il che significa la chiusura della più importante parte produttiva dell'impianto siderurgico di Taranto di proprietà del colosso mondiale Arcelor Mittal. Secondo i magistrati, al termine di una vicenda penale che nasce dall'incidente sul lavoro in cui morì nel 2015 l'operaio Alessandro Morricella, l'azienda non avrebbe rispettato gli impegni presi per rendere più sicuro il luogo di lavoro. [continua ]

Corporate

Ferrero punta al raddoppio del fatturato: “20 miliardi di euro”

“Diventare l’indiscusso numero tre al mondo nel fuori pasto dolce, raddoppiando le dimensioni della nostra azienda entro i prossimi dieci anni, raggiungendo così i 20 miliardi di euro di fatturato”. Sono gli obiettivi del gruppo Ferrero annunciati direttamente dal presidente esecutivo. “Siamo un’azienda globale con oltre 12 miliardi di euro di fatturato e distribuiamo i nostri prodotti in oltre 170 Paesi nel mondo”, ha aggiunto Giovanni Ferrero. [continua ]

Corporate
Ex Ilva Taranto, Arcelor Mittal: "A settembre rischio chiusura"

Agi

Ex Ilva Taranto, Arcelor Mittal: "A settembre rischio chiusura"

Corporate

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com