Ferme in Italia 2,2 milioni di imprese su 4,5

Istat: “Shock inimmaginabile per l’economia mondiale”

2,2 milioni di imprese su 4,5 sono ferme

“Il diffondersi della crisi sanitaria in Cina e nell’estremo oriente dalla seconda metà di gennaio e successivamente nei paesi europei, proprio a partire dall’Italia, e infine negli Stati Uniti, ha imposto limiti alla circolazione delle merci e delle persone e alle attività produttive sempre più stringenti tali da determinare uno shock di dimensioni inimmaginabili all’economia internazionale”. Lo rileva l’Istat, parlando di un contesto di incertezza che “non ha precedenti nel dopoguerra”.

Le imprese, classificate in base all'attività prevalente, attive nei settori le cui attività non vengono sospese sono poco meno di 2,3 milioni di unità su 4,5 milioni (il 48,7% del totale), generano circa due terzi del valore aggiunto complessivo (circa 512 miliardi di euro) ed il 53,1% delle esportazioni totali.

Il numero di occupati nel nostro Paese è pari a 23 milioni 360 mila. Circa due terzi (il 66%) è occupato in uno dei settori di attività economica ancora attivi. Il restante 34% in uno dei settori dichiarati sospesi dal decreto (la classificazione tuttavia non distingue tra quanti possono lavorare in smart working).

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com