Bergamo, aiuti alle imprese o il 50% chiuderà

L’84% delle aziende della flagellata provincia lombarda chiede il ricordo alla cassa integrazione

Bergamo, aiuti alle imprese o il 50% chiuderà

Per il coronavirus il 52% delle aziende bergamasche non ritiene di poter continuare la propria attività se non riceverà immediatamente un supporto dal governo o più in generale dalle istituzioni. Il grido d’allarme è lanciato dal primo Osservatorio mensile di ‘Confindustria Bergamo’ sull’impatto del Covid-19.

Emerge che il 32% pensa di resistere al massimo un anno e solo il 4% che ritiene di potercela fare comunque. L’84% delle imprese ha già chiesto o richiederà la cassa integrazione al massimo entro sei mesi. E tra le imprese delle bergamasca che hanno chiesto o si stanno apprestando a chiedere la Cig, il 48% la attiverà per il 70-100% dei propri dipendenti.

“Per garantire ossigeno alle imprese - commenta Stefano Scaglia, presidente di Confindustria Bergamo - è urgente che il sistema creditizio sia ridiscusso e che i parametri per valutare i prestiti siano stravolti”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com