Confindustria, il presidente designato Bonomi: “La politica si è smarrita. E troppi comitati”

Il presidente di Assolombarda sarà eletto (ufficialmente) con il voto dell’assemblea il 20 maggio

Confindustria, il presidente designato Bonomi: “La politica si è smarrita”
Carlo Bonomi

Carlo Bonomi è stato designato presidente di Confindustria. Per l’elezione definitiva andrà ora al voto dell’Assemblea privata prevista per il 20 maggio.

“Gli anni che abbiamo di fronte richiederanno molta dedizione, molta passione civile, i valori che hanno portato i nostri padri e le nostre imprese a ricostruire l’Italia nel dopoguerra - dice Bonomi -. Ci sarà bisogno dell’impegno di tutti. Insieme dobbiamo cambiare l’Italia. Abbiamo una grande occasione, in un momento molto drammatico forse abbiamo l’occasione di fare quelle modifiche strutturali di cui il Paese ha bisogno”.

“Non è il momento di gioire -sottolinea Bonomi -. Dobbiamo metterci immediatamente in condizioni operative tali per affrontare la sfida tremenda che è davanti a noi: continuare a portare la posizione di Confindustria su tutti i tavolo necessari rispetto ad una classe politica che mi sembra molto smarrita in questo momento, che non ha idea della strada che deve percorrere il nostro Paese”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Confindustria: “Su 100 mld per l’emergenza, 23 sono ancora da spendere”

Confindustria: “Su 100 mld per l’emergenza pandemia, 23 sono ancora da spendere”

Economia
Fca, il dividendo straordinario da 2,9 mld diventa incondizionato

Fca, il dividendo straordinario da 2,9 mld diventa incondizionato

Corporate

Il 21% del valore aggiunto dell’economia è prodotto dalle multinazionali

In Italia il 42% del valore aggiunto nazionale è generato dall’1% dei comuni: è quanto emerge dai dati Istat sui risultati economici delle imprese e delle multinazionali a livello territoriale nel 2018. Quanto alla ripartizione territoriale, il valore aggiunto 2018 è prodotto per il 37,8% al Nord-ovest e per il 25,5% nel Nord-est. Seguono il Centro con il 20,4% e il Mezzogiorno con il 16,4%. [continua ]

Corporate

La Saras di Moratti ottiene 350 mln di finanziamento con il Garanzia Italia

Saras (raffinazione petrolio e produzione energia) ha firmato un contratto di finanziamento di 350 milioni di euro, assistito per il 70% dell’importo dalle garanzie rilasciate da Sace nell’ambito del programma Garanzia Italia. Il finanziamento, che sarà principalmente finalizzato a sostenere il capitale circolante della società, è stato sottoscritto da un pool di primari istituti finanziari italiani, composto da Banco Bpm, UniCredit e Intesa Sanpaolo. [continua ]

Corporate

C’è un’altra mortalità che ora spaventa

Nel 2020, a causa del Covid con un crollo dei consumi del 10,8%, si stima la chiusura definitiva di più di 390 mila imprese del commercio non alimentare e dei servizi a fronte di 85 mila nuove aperture. Pertanto, la riduzione delle aziende in questi settori sarebbe di quasi 305 mila imprese. La valutazione è di Confcommercio che ha elaborato i dati Movimprese Unioncamere. [continua ]

Corporate
Luxottica adotta la foresta sfregiata dalla tempesta Vaia

Luxottica adotta la foresta sfregiata dalla tempesta Vaia

Corporate

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com