Cassa integrazione: sono oltre 200 mila le aziende ‘furbette’

L’Ufficio parlamentare di bilancio sulla Cig: “Oltre 1/4 delle ore è stato usufruito da imprese che non hanno registrato riduzione di fatturato”. Il Governo corre ai ripari

Cassa integrazione: sono oltre 200 mila le aziende ‘furbette’

“Oltre un quarto delle ore di cassa integrazione Covid è stato richiesto (e ottenuto, ndr) da imprese che non hanno subito alcuna riduzione di fatturato”. Il dato scottante lo ha rivelato Giuseppe Pisauro, presidente di quell’Ufficio parlamentare di bilancio.

In pratica, i dipendenti sono stati formalmente in cig, ma in realtà hanno lavorato in azienda o in smart working. E così le imprese ‘furbette’ hanno trasformato il costo per quei dipendenti, cioè i loro stipendi, in profitto.

Il periodo di riferimento è il primo semestre del 2020 (la cassa per l’emergenza Covid è scattata dal 23 febbraio, ndr) messo a confronto con lo stesso periodo dell’anno precedente. Incrociando questi dati emerge che 1/3 delle ore di Cig è stato utilizzato da imprese che hanno avuto perdite di fatturato superiori al 40%. Ma oltre 1/4 delle ore è stato usufruito da imprese che non hanno registrato riduzione di fatturato.

Il governo corre ai ripari. Il decreto ‘agosto’ prevederà che soltanto le aziende che hanno avuto una riduzione del fatturato pari o superiore al 20% nel primo semestre di quest’anno rispetto a quello del 2019 potrà accedere alla Cig alle condizioni attuali.

Le imprese che hanno avuto invece un calo contenuto, sotto il 20%, se vorranno ricorrere ancora alla Cig dovranno pagarne una parte. In alternativa potranno ottenere una decontribuzione al 100% per quattro mesi. 

Fonte

Articoli correlati

Cig, in arrivo la ‘tempesta perfetta’

quoted business

Cassa integrazione, in arrivo la ‘tempesta perfetta’

Jobs & Skills
Ecco la Top 15 delle aziende per fatturato

Ecco la Top 15 delle aziende italiane per fatturato

Corporate

quoted business

ArcelorMittal: "La crisi è grave. Cassa integrazione a Taranto per 1400 lavoratori"

Il 6 maggio scorso ArcelorMittal aveva manifestato l'intenzione di tagliare temporaneamente la produzione di acciaio in Europa con una riduzione di 3 milioni di tonnellate annue. Nello specifico era stata annunciata la sospensione della produzione degli stabilimenti di Cracovia in Polonia, la riduzione nelle Asturie in Spagna e il blocco dell'aumento della produzione dell'ex Ilva di Taranto che ArcelorMittal Italia contava di portare a 6 milioni di tonnellate nel 2020. [continua ]

Corporate
Luxottica taglia i salari dei manager per integrare la Cigs dei dipendenti

Luxottica taglia le retribuzioni dei manager per integrare la cassa integrazione dei dipendenti

Jobs & Skills

FCA sotto indagine per le emissioni

La GdF ha condotto delle perquisizioni negli uffici del Gruppo FCA nell’ambito di un’indagine della Procura di Torino collegata a un'analoga inchiesta delle autorità giudiziarie tedesche. L’ipotesi investigativa è legata alla possibilità che su alcuni modelli siano stati installati dispositivi di controllo del motore non conformi alla regolamentazione europea: in condizioni reali di guida le emissioni inquinanti sarebbero superiori a quelle rilevate in sede di omologazione. [continua ]

Corporate

Oltre 1 azienda su 3 rischia la chiusura

“L’impatto della crisi sulle imprese è stato di intensità e rapidità straordinarie, determinando seri rischi per la sopravvivenza: il 38,8% delle imprese italiane (pari al 28,8% dell’occupazione, circa 3,6 milioni di addetti) ha denunciato l’esistenza di fattori economici e organizzativi che ne mettono a rischio la sopravvivenza nel corso dell’anno”. [continua ]

Corporate

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com