Lamborghini, fatturato e vendite record nel 2020

Lamborghini, fatturato e vendite record nel 2020

Nonostante la pandemia, il 2020 si chiude con un margine operativo record per Lamborghini. È stato il secondo miglior anno di sempre sia sul fronte del fatturato (1,61 miliardi di euro, diminuito solamente dell’11% rispetto al 2019), sia in termini di vetture consegnate.

“La nostra immediata reattività, un ideale mix di modelli e la crescente richiesta di personalizzazione dei nostri prodotti - spiega Stephan Winkelmann, presidente e CEO di Automobili Lamborghini - hanno spinto gli indicatori di redditività ai massimi livelli. Il marchio, in un anno difficile, ha dato prova di grande forza e crescente attrattività, in controtendenza rispetto al trend del mercato del lusso globale.”

Nel 2020 Lamborghini ha consegnato 7.430 vetture in tutto il mondo, un valore che rappresenta il secondo miglior risultato commerciale di sempre dopo l’anno record del 2019 con 8.205 vetture consegnate.

Con 2.224 vetture, gli USA si sono riconfermati il primo mercato, seguiti da Germania (607), Mainland China, Hong Kong e Macao (604), Giappone (600), Regno Unito (517) e Italia (347).

E per l’immediato futuro, le prospettive sono di crescita, con la previsione di un balzo della Cina al secondo posto dei principali mercati di riferimento. “Il 2021 - aggiunge Stephan Winkelmann - si apre con prospettive molto positive: le consegne dei primi due mesi di quest’anno superano già quelle del periodo precedente pre-pandemia e gli ordini finora raccolti coprono già nove mesi di produzione di quest’anno.”

Il nuovo anno è stato inaugurato con il lancio commerciale dell’ultimo modello presentato da Lamborghini a fine 2020, la Huracán STO - Super Trofeo Omologata: una supersportiva da pista omologata per l’uso su strada.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Quasi la metà delle imprese sono strutturalmente a rischio

Quasi la metà delle imprese sono strutturalmente a rischio

Corporate
Venezia parla cinese: raddoppiate le imprese  in 10 anni

Agi

Venezia parla cinese: raddoppiate le imprese in 10 anni

Corporate
4 mila imprese ci porteranno fuori dalla recessione

4 mila imprese porteranno l’Italia fuori dalla recessione

Corporate
Fca, il dividendo straordinario da 2,9 mld diventa incondizionato

Fca, il dividendo straordinario da 2,9 mld diventa incondizionato

Corporate

Il 21% del valore aggiunto dell’economia è prodotto dalle multinazionali

In Italia il 42% del valore aggiunto nazionale è generato dall’1% dei comuni: è quanto emerge dai dati Istat sui risultati economici delle imprese e delle multinazionali a livello territoriale nel 2018. Quanto alla ripartizione territoriale, il valore aggiunto 2018 è prodotto per il 37,8% al Nord-ovest e per il 25,5% nel Nord-est. Seguono il Centro con il 20,4% e il Mezzogiorno con il 16,4%. [continua ]

Corporate

La Saras di Moratti ottiene 350 mln di finanziamento con il Garanzia Italia

Saras (raffinazione petrolio e produzione energia) ha firmato un contratto di finanziamento di 350 milioni di euro, assistito per il 70% dell’importo dalle garanzie rilasciate da Sace nell’ambito del programma Garanzia Italia. Il finanziamento, che sarà principalmente finalizzato a sostenere il capitale circolante della società, è stato sottoscritto da un pool di primari istituti finanziari italiani, composto da Banco Bpm, UniCredit e Intesa Sanpaolo. [continua ]

Corporate

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com