Quasi la metà delle imprese sono strutturalmente a rischio

Lo rivela l’Istat

Quasi la metà delle imprese sono strutturalmente a rischio

Una “mappa della solidità” delle imprese indica che “circa il 45% delle aziende è strutturalmente a rischio: se esposte a una crisi esogena, subirebbero conseguenze tali da metterne a repentaglio l’operatività”.

E queste imprese sono “numerose” nei settori a basso contenuto tecnologico e di conoscenza. A rivelarlo è l’Istat nel Rapporto 2021 sulla competitività dei settori produttivi.

All’opposto – spiega l’Istituto di statistica – “solo l’11% risulta solido, sebbene riguardi quasi la metà dell’occupazione e oltre due terzi del valore aggiunto complessivi”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com