Amazon sfonderà il valore di 4 mila mld di dollari nel 2019?

Amazon sfonderà il valore di 4 mila mld di dollari nel 2019?

Amazon vola verso i 1.000 miliardi di dollari di capitalizzazione. Il colosso di Jeff Bezos si avvicina ad un limite superato per ora solo da Apple, nonostante gli attacchi bipartisan.

Oltre a quelle di Donald Trump, sono arrivate le critiche di Bernie Sanders. Il senatore democratico ed ex candidato alla Casa Bianca attacca: “Non sono solo i bassi salari a preoccupare. Ma anche le informazioni sulle condizioni di lavoro”.

Il presidente Usa nei giorni scorsi si è ripetutamente scagliato contro Google e i social media, accusandoli di essere politicizzati. Le critiche ad Amazon riguardano, ufficialmente, le troppo poche tasse pagate. Ma nel mirino di Trump c'è il Washington Post, il cui proprietario è lo stesso Bezos.

Intanto la multinazionale piovra continua la sua scalata. Dall'inizio dell'anno Amazon è salita in borsa del 71%. E, dalla fine del 2014, la crescita è stata del 550%, che corrisponde a un incremento del valore pari a 800 miliardi di dollari. Niente male per un’azienda che ha iniziato ad operare nel 1994 vendendo libri online e che, oggi, controlla il 40% dell'e-commerce. Se il trend dell’ultimo anno proseguisse, il titolo potrebbe sfondare quota 4 mila nell'estate del 2019.

Anche il servizio Prime – che consente al costo annuale di 99 dollari di ricevere il pacco entro due giorni – vola. Alcuni analisti stimano che il 53,8% delle famiglie statunitensi che sono collegate alla rete da casa è abbonato a Prime. E, proprio per soddisfare sempre di più i propri clienti, Amazon sta investendo in punti di smistamento più vicini alle città, con la creazione di 130 mila posti di lavoro negli Stati Uniti entro l’anno.

La figura del carismatico fondatore funziona e Amazon attrae talenti mondiali. Continua a investire in opportunità di crescita. E riesce ad offrire ai clienti prezzi competitivi, consegne rapide e un servizio eccellente. Ma c’è anche un lato ancora in parte oscuro in tutto questo successo, di cui ha parlato anche Sanders, ovvero le condizioni di lavoro offerte ai dipendenti.

Fonte

Articoli correlati

Ferrero acquista i biscotti Kellogg per 1,3 mld

quoted business

Ferrero acquista i biscotti Kellogg per 1,3 mld

Corporate

Salini Impregilo, contratto da mezzo miliardo per le dighe in Florida

Salini Impregilo guarda agli Stati Uniti. Lane, società controllata negli Usa dal Gruppo italiano, si è aggiudicata un contratto da 524 milioni di dollari per la realizzazione del bacino Caloosahatchee in Florida. Il progetto, spiega in una nota il colosso italiano, "rafforza la presenza del Gruppo nel settore hydro negli Stati Uniti, paese in cui i nuovi ordini acquisiti nel 2018 hanno rappresentato circa il 50% del totale, attraverso la controllata Lane". [continua ]

Corporate

Levi Strauss torna per la seconda volta a Wall Street: volano i jeans

Un ritorno storico. I jeans Levi Strauss sono di nuovo a Wall Street: il 21 marzo si è consumato il secondo atto sulla Borsa americana, dopo quello avviato nel 1971 e terminato con il delisting nel 1984. Il prezzo ottenuto dall'azienda è stato superiore alle attese. E sul mercato il titolo è andato oltre. È partito da 17 dollari per azione, sopra la forchetta indicata che andava da 14 a 16 dollari. [continua ]

Corporate

Apple taglia la produzione di iPhone del 10%

Dopo lo scandalo che ha travolto Goldman Sachs in Malesia, un'altra importante banca finisce nel mirino. Tre ex dirigenti del Credit Suisse sono finiti in carcere, giovedì 3 gennaio a Londra, per uno scandalo che ha coinvolto alcune imprese pubbliche in Mozambico. Il trio è stato poi rilasciato su cauzione, ma gli Usa stanno cercando di estradarli. Agli arresti anche un uomo d'affari libanese, fermato a New York, e l'ex-ministro delle Finanze mozambicano, Manuel Chang. [continua ]

Corporate
Marlboro cambia strategia: ora punta su sigarette elettroniche e cannabis

Marlboro cambia strategia: ora punta su sigarette elettroniche e cannabis

Corporate
Frase del giorno - Parole

Cnn

Lasciare Facebook? Non è questo il piano. In futuro succederà, non farò questo per sempre, ma al momento non penso che abbia senso.

Corporate

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com