Marlboro cambia strategia: ora punta su sigarette elettroniche e cannabis

Marlboro cambia strategia: ora punta su sigarette elettroniche e cannabis

L’industria del tabacco è alla ricerca di nuovi sbocchi in una fase nella quale il numero di fumatori è in calo. È in questa ottica che va letta la mossa di Marlboro che ha pagato 12,8 mld di dollari per assicurarsi il 35% di Juul Labs, una start-up delle sigarette elettroniche la cui valutazione è dunque 38 mld, più del doppio di appena due mesi fa.

A festeggiare non saranno stavolta soltanto i fondatori di Juul Labs ma anche i dipendenti: l'accordo prevede infatti che i 1.500 impiegati di Juul ricevano 2 mld di bonus da Altria (il colosso cui fa capo la nota marca di sigarette) che significa in media 1,3 milioni a testa.

Altria, tuttavia, non si ferma al vapore e ha avviato colloqui con il produttore canadese di marijuana, Cronos. Le trattative sarebbero ancora in una fase iniziale e non è chiaro se l’obiettivo è quello di acquisire la società per intero oppure una quota. Sta di fatto che le azioni di Cronos hanno subito registrato un balzo del 15% sul listino canadese.

Cio’ che, invece, appare più chiaro è l’incremento della concorrenza sulla cannabis. A puntare su questo nuovo mondo è anche l’industria delle bevande che potrebbe far compiere un salto di qualità a tutto il comparto della cannabis. In pista ci sono grandi colossi come Coca-Cola e Constellation Brands (il produttore della birra Corona). L’obiettivo è quello di produrre un nuovo drink a base di marijuana.

Secondo gli analisti, il mercato della cannabis è destinato a esplodere. Soltanto in Nord America - il consumo è consentito negli Usa in un numero crescente di Stati e il Canada ha legalizzato la coltivazione lo scorso ottobre -la spesa dei consumatori dovrebbe aumentare da 9,2 mld nel 2017 a 47,3 nel 2027.

Fonte

Articoli correlati

Levi Strauss torna per la seconda volta a Wall Street: volano i jeans

Un ritorno storico. I jeans Levi Strauss sono di nuovo a Wall Street: il 21 marzo si è consumato il secondo atto sulla Borsa americana, dopo quello avviato nel 1971 e terminato con il delisting nel 1984. Il prezzo ottenuto dall'azienda è stato superiore alle attese. E sul mercato il titolo è andato oltre. È partito da 17 dollari per azione, sopra la forchetta indicata che andava da 14 a 16 dollari. [continua ]

Corporate

Apple taglia la produzione di iPhone del 10%

Dopo lo scandalo che ha travolto Goldman Sachs in Malesia, un'altra importante banca finisce nel mirino. Tre ex dirigenti del Credit Suisse sono finiti in carcere, giovedì 3 gennaio a Londra, per uno scandalo che ha coinvolto alcune imprese pubbliche in Mozambico. Il trio è stato poi rilasciato su cauzione, ma gli Usa stanno cercando di estradarli. Agli arresti anche un uomo d'affari libanese, fermato a New York, e l'ex-ministro delle Finanze mozambicano, Manuel Chang. [continua ]

Corporate
Frase del giorno - Parole

Cnn

Lasciare Facebook? Non è questo il piano. In futuro succederà, non farò questo per sempre, ma al momento non penso che abbia senso.

Corporate

Facebook rallenta, delude la crescita dei ricavi nel terzo trimestre

Facebook frena. Anche se l'utile del terzo trimestre supera le attese salendo a 1,76 dollari per azione, i ricavi crescono “soltanto” del 33% a 13,73 miliardi di dollari, deludendo Wall Street. E la reazione in Borsa è immediata, anche se il calo è temporaneo. Dall'inizio dell'anno Facebook ha perso in Borsa il 20%, e dalla fine di luglio - quando ha presentato i conti del secondo trimestre - il 34%. [continua ]

Corporate
Microsoft, il co-fondatore Paul Allen muore a 65 anni

Microsoft, il co-fondatore Paul Allen muore a 65 anni

Corporate
Alibaba, la doppia mossa del colosso dell'e-commerce

Cnn

Alibaba, la doppia mossa del colosso dell'e-commerce cinese

Corporate

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com