General Motors fa causa a Fca

Fca avrebbe messo in piedi uno schema di tangenti pagate al sindacato Uaw per indebolire Gm e spianare la strada alle nozze con Fiat Chrysler. Fca: “Possiamo solo presumere che Gm punti a fermare la fusione con Psa e le trattative con il sindacato Uaw”

General Motors fa causa a Fca

General Motors fa causa a Fca. L’accusa avanzata dal produttore statunitense è di averla danneggiata manipolando le trattative per il rinnovo del contratto di lavoro con il United Auto Workers fra il 2009 e il 2015.

Gm punta il dito contro l’ex amministratore delegato, Sergio Marchionne, definito una “figura centrale” nello schema di tangenti pagato da Fca al Uaw per indebolire Gm e spianare la strada alle nozze con Fiat Chrysler. Fca si sarebbe impegnata nel portare avanti un disegno di corruzione che ha “minato l’integrità del processo di contrattazione collettiva e causato sostanziali danni a Gm”, spiega la casa automobilistica Usa.

Accuse che Fca ritiene “senza merito”. E spiega che si difenderà con tutti i mezzi legali a disposizione. “Possiamo solo presumere che punti a fermare la proposta di fusione con Psa e le trattative con il Uaw”, aggiunge Fca.

La causa ha come effetto immediato quello di appesantire i titoli delle due case automobilistiche a Wall Street, con Fca che arriva a perdere fino al 3,4% e Gm il 2,4%.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com