Boeing, la maledizione dei 737 Max: da gennaio stop alla produzione

I 737 sono a terra da mesi dopo due incidenti in Indonesia e in Etiopia che hanno causato 346 vittime. Lo stop preoccupa anche l’economia Usa per la quale Boeing, il maggiore esportatore manifatturiero statunitense, e la sua produzione costituiscono un volano importante

Boeing, la maledizione dei 737 Max: da gennaio stop alla produzione

I tempi per il ritorno in volo del 737 Max si allungano e costringono Boeing a una sospensione a partire da gennaio della produzione del velivolo, a terra da mesi dopo due incidenti in Indonesia e in Etiopia che hanno causato 346 vittime. L’annuncio affonda i titoli Boeing ma al momento lo stop non si tradurrà in alcuna riduzione della forza lavoro.

Lo stop temporaneo segue il taglio di un quinto della produzione deciso lo scorso aprile. Boeing ha comunque continuato a produrre 40 aerei 737 Max al mese da marzo, quando le autorità mondiali hanno deciso la messa a terra del velivolo.

Ora però la società è costretta a una mossa più estrema in seguito all’incertezza per un ritorno nei cieli del 737 Max. Inizialmente la messa a terra del velivolo sembrava essere destinata a protrarsi per un periodo limitato. È invece da marzo che il 737 Max non vola, e non è chiaro quando e se potrà tornare a volare.

La Federal Administration Aviation non si sbilancia sui tempi, consapevole che la posta in gioco è alta. Secondo alcune indiscrezioni, l’Agenzia sapeva già dopo il primo incidente della Lion Air che l’aereo era a rischio, ma nonostante ciò non è intervenuta.

Per Boeing una sospensione della produzione rappresenta un duro colpo a uno dei suoi modelli di punta: sono 383 i 737 Max a terra da marzo e 400 quelli pronti per la consegna ma che sono stati bloccati. E il colosso ha già visto calare il proprio utile di 5,6 miliardi di dollari e ha previsto ulteriori 3,6 mld di costi per il programma 737. 

Ma lo stop preoccupa anche l’economia Usa per la quale Boeing, il maggiore esportatore manifatturiero statunitense, e la sua produzione costituiscono un volano importante. L’incapacità di Boeing di consegnare i velivoli da marzo ha già avuto ripercussioni negative sul deficit commerciale della prima economia al mondo.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Boeing 737 Max costretto ad atterraggio di emergenza: problemi al motore

Un Boeing dell’Air Canada 737-8 Max diretto a Montreal dall’Arizona, il 22 dicembre, è stato costretto a un atterraggio di emergenza per un problema al motore sinistro. “L’aereo è stato dirottato su Tucson, dove è atterrato normalmente”, ha dichiarato la compagnia aerea. [continua ]

Mobilità

Usa, in Texas la prima linea ferroviaria ad alta velocità

Maxi commessa negli Stati Uniti: contratto da 16 miliardi di dollari per l’italiana Webuild (ex Salini). Nasce il collegamento Dallas-Houston: raggiungerà i 320 chilometri l'ora e il progetto sarà completato entro il 2026. [continua ]

Corporate
Amazon si schiera a favore della legalizzazione della cannabis

Amazon si schiera a favore della legalizzazione della cannabis

Corporate

Cbs

Cinema, Amazon compra la major Metro Goldwyn Mayer per 8,45 miliardi

Il gigante dell’e-commerce chiude l’intesa per la casa di produzione che guidava le ‘Big five’ di Hollywood. Fondata a Seattle nel 1995 come libreria online dall’ex broker di Wall Street Jeff Bezos, Amazon è diventata un colosso da 386 miliardi di fatturato che fa un po’ di tutto [continua ]

Corporate
Accordo da 43 mld di dollari tra Discovery e AT&T

Accordo da 43 miliardi di dollari tra Discovery e AT&T

Corporate
Pfizer, nel primo trimestre ricavi a 14,58 mld di dollari

Pfizer, nel primo trimestre ricavi a 14,58 miliardi di dollari

Corporate

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com