Boeing, la maledizione dei 737 Max: da gennaio stop alla produzione

I 737 sono a terra da mesi dopo due incidenti in Indonesia e in Etiopia che hanno causato 346 vittime. Lo stop preoccupa anche l’economia Usa per la quale Boeing, il maggiore esportatore manifatturiero statunitense, e la sua produzione costituiscono un volano importante

Boeing, la maledizione dei 737 Max: da gennaio stop alla produzione

I tempi per il ritorno in volo del 737 Max si allungano e costringono Boeing a una sospensione a partire da gennaio della produzione del velivolo, a terra da mesi dopo due incidenti in Indonesia e in Etiopia che hanno causato 346 vittime. L’annuncio affonda i titoli Boeing ma al momento lo stop non si tradurrà in alcuna riduzione della forza lavoro.

Lo stop temporaneo segue il taglio di un quinto della produzione deciso lo scorso aprile. Boeing ha comunque continuato a produrre 40 aerei 737 Max al mese da marzo, quando le autorità mondiali hanno deciso la messa a terra del velivolo.

Ora però la società è costretta a una mossa più estrema in seguito all’incertezza per un ritorno nei cieli del 737 Max. Inizialmente la messa a terra del velivolo sembrava essere destinata a protrarsi per un periodo limitato. È invece da marzo che il 737 Max non vola, e non è chiaro quando e se potrà tornare a volare.

La Federal Administration Aviation non si sbilancia sui tempi, consapevole che la posta in gioco è alta. Secondo alcune indiscrezioni, l’Agenzia sapeva già dopo il primo incidente della Lion Air che l’aereo era a rischio, ma nonostante ciò non è intervenuta.

Per Boeing una sospensione della produzione rappresenta un duro colpo a uno dei suoi modelli di punta: sono 383 i 737 Max a terra da marzo e 400 quelli pronti per la consegna ma che sono stati bloccati. E il colosso ha già visto calare il proprio utile di 5,6 miliardi di dollari e ha previsto ulteriori 3,6 mld di costi per il programma 737. 

Ma lo stop preoccupa anche l’economia Usa per la quale Boeing, il maggiore esportatore manifatturiero statunitense, e la sua produzione costituiscono un volano importante. L’incapacità di Boeing di consegnare i velivoli da marzo ha già avuto ripercussioni negative sul deficit commerciale della prima economia al mondo.

Fonte

Articoli correlati

Amazon, Bezos sempre più Paperone: vale 171,6 mld

Cnn

Amazon, Bezos sempre più Paperone: vale 171,6 miliardi

Corporate

Cnn

Nuovi problemi per il Boeing 737 Max

Ancora guai per Boeing e il suo 737 Max, il velivolo coinvolto negli incidenti in Etiopia e Indonesia. Nel sistema informatico del Boeing 737 Max è stato scoperto un nuovo difetto che potrebbe spingere l'aereo in picchiata. La notizia è stata confermata dalla FAA, la Federal Aviation Administration, che ha parlato di "rischio potenziale" per il velivolo precisando che "toglieremo il divieto di volo per quegli aerei quando riterremo che sia sicuro farlo". [continua ]

Mobilità
Amazon, corporate bond piazzati a un rendimento dello 0,4%

Amazon, corporate bond piazzati a un rendimento dello 0,4%: sono diventati un bene rifugio?

Corporate

Florida, Boeing 737 fuori pista finisce in un fiume

Non c’è pace per il colosso americano dei cieli. Un Boeing 737 finisce fuori pista a Jacksonville, in Florida. I passeggeri e l'equipaggio sono tutti vivi nonostante l'aereo abbia concluso la propria corsa nel fiume limitrofo, il St. Johns River. L'aereo proveniva da Guantanamo (Cuba), dove si trovano le prigioni nelle quali sono stati detenuti i terroristi di Al Qaeda (l’ex presidente Obama aveva promesso all’inizio del suo mandato di chiudere il centro di detenzione senza poi riuscire nel suo intento). [continua ]

Mobilità
Boeing pronta a vendere l’azienda ai suoi 161.000 dipendenti

Boeing pronta a vendere l’azienda ai suoi 161.000 dipendenti

Corporate
Boeing 737 Max 8, atterraggio di emergenza in Florida

quoted business

Boeing 737 Max 8, atterraggio di emergenza in Florida

Mobilità

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com