Ferrero acquisisce per 2,8 mld di dollari gli snack Nestlé negli Stati Uniti, dove diventa il terzo produttore

Il gruppo italiano, che nel 2016 ha registrato ricavi per circa 12 miliardi di dollari, diventa così il terzo produttore di dolci nel mercato statunitense

Ferrero acquisisce per 2,8 mld di dollari gli snack Nestlé US
Uno dei marchi storici acquisiti dal gruppo Ferrero

Ferrero International SA ha fatto un ulteriore passo avanti nel mercato nordamericano. Dopo mesi di negoziazioni, il gruppo italiano ha acquisito per 2,8 miliardi di dollari la NSRGY di Nestlé SA. Si tratta di 20 storici brand statunitensi, tra i quali marchi di cioccolato come Butterfinger, BabyRuth, 100Grand, Raisinets, Wonka, Crunch, SweeTarts, LaffyTaffy e Nerds.

Ferrero, che ha battuto la concorrenza di Hershey Co., è già il quarto produttore dolciario mondiale per quota di mercato e nel 2016 ha registrato ricavi per circa 12 miliardi di dollari.

Nestlé, la cui sede centrale è a Vevey in Svizzera, nel 2016 ha registrato vendite per circa 900 milioni di dollari negli Stati Uniti. Il che significa che Ferrero diventa il terzo venditore di cioccolato nel mercato a stelle e strisce e conferma la strategia di perseguire la crescita attraverso nuove acquisizioni, in particolare negli USA. E' una scelta presa direttamente dal presidente esecutivo Giovanni Ferrero, nipote del fondatore, che nel 2011 ha assunto la responsabilità esclusiva dell'azienda.

Nestlé, invece, ha puntato su un’altra strategia. Il gruppo svizzero, guidato dall'amministratore delegato Mark Schneider, sa che soltanto il 3 per cento delle vendite negli Stati Uniti proviene dai dolci. Inoltre, a livello globale, oltre l'80 per cento delle attività dolciarie di Nestlé è costituito da marchi locali. Ecco perchè la cessione è stata probabilmente indolore.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com