Kodak si trasforma in azienda farmaceutica

La storica azienda del settore fotografico ottiene fondi per oltre 700 milioni dal governo Usa per diventare parte della nuova produzione domestica di medicinali

Kodak si trasforma in azienda farmaceutica

Dalla fotografia alla farmaceutica. Eastman Kodak, utilizzando speciali finanziamenti federali statunitensi, si trasforma da icona dell’immagine su pellicola e digitale a nuovo produttore di componenti per medicinali in grado di trattare molteplici condizioni e malattie.

La conversione di Kodak, il cui business tradizionale è da tempo in crisi, sarà aiutata da un prestito governativo da 765 milioni di dollari concesso grazie al Defense Production Act. È il programma che consente a Washington di ordinare o promuovere attività considerate indispensabili.

Il finanziamento, che dovrà essere ripagato entro 25 anni, fa parte della strategia Usa di stimolare la produzione interna soprattutto in campo medico e sanitario per ridurre la dipendenza dall’estero.

Kodak, fondata nel 1888 e con sede a Rochester nello stato di New York, ha visto un lento e inesorabile declino. Nel 1975 aveva inventato la macchina fotografica digitale, senza riuscire però a sfruttare l’innovazione. Il colosso tecnologico era arrivato a contare circa 150 mila dipendenti su scala globale, ma nel 2012 era stato spinto dalla crisi in amministrazione controllata.

Fino alla svolta farmaceutica, che ha scatenato un’impennata del titolo di Kodak a Wall Street dove è salito di oltre il 200%.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Elon Musk: “Apple si rifiutò di acquistare la Tesla a un decimo del valore”

Cnn

Elon Musk: “Apple si rifiutò di acquistare la Tesla a un decimo del valore”

Corporate

quoted business

Airbnb ora vale 100 miliardi

Il colosso degli affitti brevi, fondato nel 2007, ha subito gli effetti della pandemia da Covid-19, che ha messo un freno ai viaggi nazionali e internazionali. Le prenotazioni sulla piattaforma sono crollate fino al 75% durante il periodo più duro della crisi pandemica, costringendo lo scorso maggio la società a operare un profondo taglio di costi e riducendo il personale del 25%. [continua ]

Corporate
Musk: “Vendo tutto. Mi tengo solo i capitali per una città su Marte”

Musk: “Vendo tutto. Mi tengo solo i capitali per una città su Marte”

Corporate

BuzzFeed compra l’Huffington Post

Verizon Media, un’unità di Verizon Communications Inc, annuncia la vendita del sito dell’Huffington Post a BuzzFeed. Quando la cessione sarà formalizzata, Verizon Media diventerà azionista di minoranza di BuzzFeed. Le aziende non hanno rivelato ulteriori dettagli sull’affare. [continua ]

Corporate

Bezos mette gli occhi sulla Cnn?

È la Cnn la prossima preda nel mondo dei media di Jeff Bezos? L’indiscrezione arriva dagli Usa e in particolare da Fox Business. Per Bezos, al primo posto tra gli uomini più ricchi del mondo nella classifica stilata da Forbes con un patrimonio stimato di 200 miliardi di dollari, si tratterebbe del secondo grande affare nel mondo dei media. [continua ]

Corporate

quoted business

Emissioni, Fca patteggia negli Usa e paga 9,5 milioni

Fca patteggia e si impegna a pagare 9,5 milioni di dollari per chiudere la disputa sulle presunte informazioni fuorvianti in merito alla revisione interna sui sistemi di controllo delle emissioni. Lo afferma la Sec, la Consob statunitense, secondo la quale nel 2016 Fca in una nota stampa e nel rapporto annuale ha parlato di revisione interna che confermava come i veicoli rispettassero le norme sulle emissioni. [continua ]

Corporate

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com