Elon Musk: “Apple si rifiutò di acquistare la Tesla a un decimo del valore”

Il fondatore di Tesla: “Tim Cook non è un innovatore”. Intanto Apple si prepara a lanciare una propria vettura elettrica a guida autonoma nel 2024

Elon Musk: “Apple si rifiutò di acquistare la Tesla a un decimo del valore”
Elon Musk

Elon Musk, fondatore della compagnia spaziale SpaceX e Ceo di Tesla, ha svelato che l’amministratore delegato di Apple, Tim Cook, si rifiutò di incontrarlo per discutere l’acquisizione di Tesla a un decimo del suo valore attuale.

L’imprenditore ha cinguettato su Twitter che “durante i giorni più bui del programma Model 3”, offrì al Ceo di Apple la possibilità di discutere dell’acquisto di Tesla ad un prezzo che oggi si sarebbe rivelato estremamente vantaggioso. Cook, tuttavia, si rifiutò di incontrarlo in un momento molto delicato: nel 2017 Tesla ha rischiato di collassare.

Dopo aver avviato la produzione della Model 3 nel 2017, Tesla ha lottato per tenere il passo con i volumi di produzione. Nel 2018, poi, la sua capitalizzazione è diminuita di un quarto e la società ha dovuto adottare misure di emergenza per correggere la situazione.

Successivamente Tesla ha ripetutamente segnalato perdite, ma ha continuato ad aumentare con sicurezza la produzione di auto. Per la prima volta, la società ha registrato un utile netto solo alla fine del secondo trimestre del 2018.

Perché Musk ha rivelato ora quanto accadde nel 2017? Secondo alcuni media, Apple intenderebbe rilasciare un’autovettura a guida autonoma nel 2024 e si starebbe concentrando sullo sviluppo di una grande batteria a cella singola.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com