Il vero motore della crescita di Amazon non ha niente a che fare con l'e-commerce

Profitti record nel primo trimestre: 1,6 mld di dollari, più del doppio rispetto all'anno precedente. Il gigante guidato da Jeff Bezos sta alimentando la maggior parte dei profitti grazie al business di "Amazon web services", che ha generato 1,4 miliardi di dollari di reddito operativo

L'exploit di Amazon non ha niente a che fare con l'e-commerce

Profitti record nel primo trimestre 2018 per Amazon: 1,6 mld di dollari, più del doppio rispetto all'anno precedente. Ma il punto è che il gigante dell'e-commerce, guidato da Jeff Bezos, sta alimentando la maggior parte dei suoi profitti grazie al business di "Amazon web services" (Aws), che ha generato 1,4 miliardi di dollari di reddito operativo rispetto al totale realizzato dal gruppo pari a 1,9 mld di dollari, dunque ben il 73%. Il volano, quindi, non è l'e-commerce.

Il cloud computing cresce

Brian Olsavsky, capo dell’ufficio finanziario di Amazon, ha spiegato che questo exploit di Aws è dovuto alla forte adozione di questi servizi da parte di chi è già cliente e dalla capacità di attrarne di nuovi. Oltre a rappresentare il 73% del reddito operativo, i ricavi di questi servizi sono cresciuti del 48,6% rispetto all’anno precedente.

Prime costerà di più

Il servizio Prime passerà da 99 a 119 dollari all’anno, in linea con l’aumento dei costi della società: resta una pietra miliare del colosso dell’e-commerce, ma ora l’attenzione è concentrata sullo sviluppo di Aws. Lo ha spiegato Jeff Bezos in persona, sottolineando che i servizi in questione sono più evoluti e ricchi di funzionalità e consentono agli sviluppatori di essere più veloci: è dovuta a questo la loro notevole crescita e redditività.

L'unione fa la forza

Prime e Aws sono legati tra loro: i consumatori che si iscrivono al programma di spedizione gratuita evitano di pagare centinaia (in alcuni casi migliaia) di dollari e possono farlo grazie ai profitti generati che coprono i costi e consentono al colosso dell’e-commerce di offrirlo. Per garantirlo, Amazon nell’ultimo anno ha pagato 7,8 miliardi di dollari rispetto ai 4,7 mld di un anno fa.

Una separazione impossibile?

Con numeri così importanti, Aws potrebbe diventare un’attività redditizia a sé: ma dal momento che Amazon basa la maggior parte del suo business su questo comparto, difficilmente lo separerà dal resto. E va ricordato che quei servizi generano profitti proprio perché sono così strettamente legati alle altre attività del colosso dell’e-commerce.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com