Rivoluzione Luxottica, introduce la “flessibilità sostenibile”

Accordo tra azienda e sindacati: lavoreranno 8 ore per sette mesi e per 6 ore negli altri cinque. Leonardo Del Vecchio: "Investiamo sulla dignità del lavoro e sulla sua stabilità"

Luxottica introduce la “flessibilità sostenibile”

Luxottica rivoluziona i contratti di lavoro. Da un lato, trasforma in tempo determinato 1.550 posti di lavoro coperti da giovani inquadrati come precari e in somministrazione. Dall'altro, consente ad altri 10 mila dipendenti di ridurre volontariamente il loro orario di lavoro pur mantenendo lo stesso livello di stipendio.

È il frutto del nuovo accordo integrativo sottoscritto dall'azienda leader nel settore delle montature di occhiali (che come società operativa resta indipendente anche dopo la fusione con Essilor) e le organizzazioni sindacali. Sono interessati gli stabilimenti di Luxottica in Italia e la sede di Milano.

Un'intesa sotto il segno della "flessibilità sostenibile", così come è stata definita. Perché da un lato si trova una forma si "stabilizzazione" a oltre mille giovani che da tempo venivano impiegati solo per una parte dell'anno, a seconda delle fasi stagionali della produzione. I 1.150 lavoratori interessati avranno un contratto a tempo indeterminato per il quale verranno impiegati 8 ore per sette mesi, mentre i rimanenti cinque avranno un orario ridotto a sei ore. Scende la retribuzione, ma con una proporzione inferiore rispetto alla riduzione di orario.

Per estensione, la possibilità di ridurre l'orario - in questo caso su base volontaria - viene estesa a tutti i dipendenti: potranno decidere di aderire al nuovo tempo di lavoro flessibile mantenendo il posto fisso e sostanzialmente invariata la propria busta paga, ma potendo contare su orari ridotti nei periodi di bassa stagione, a favore di un migliore bilanciamento del rapporto vita-lavoro.

Fonte

Articoli correlati

Contratti a tempo indeterminato: +148% in 7 mesi

quoted business

Contratti a tempo indeterminato: +148% in 7 mesi

Jobs & Skills

Si riduce la disoccupazione ma scendono anche le ore lavorate

Nel secondo trimestre dell'anno, l'Istat traccia - nei confronti del primo periodo del 2019 - una riduzione degli inattivi, cioè coloro che non hanno lavoro né lo cercano, con il tasso dei senza lavoro che scende al 9,9% e un leggero aumento dell'occupazione (+0,6%). Significa 130 mila occupati in più: salgono i dipendenti, sia a termine che permanenti, e in misura minore anche gli indipendenti. [continua ]

Jobs & Skills

Cuneo fiscale e salario minimo. Da dove iniziare?

Uno dei temi su cui i nuovi partner di governo dovrebbero più facilmente trovare un’intesa è quello del salario minimo. Nei due rami del Parlamento sono in discussione proposte di legge di Movimento 5 stelle e Pd che, pur con alcune differenze, in parte si sovrappongono. I sindacati restano contrari a qualunque intervento che vada al di là dell’estensione dei contratti esistenti. [continua ]

Jobs & Skills
Disoccupazione, nuovo record. Mai così bassa dal 1977

Disoccupazione, nuovo record. In Italia mai così bassa dal 1977

Jobs & Skills

quoted business

40enni precari? Pensione solo a 73 anni

In pensione ma non prima dei 73 anni. È ciò che capiterà a molti quarantenni. L’allarme è stato lanciato dalla Cgil che ha analizzato la situazione di coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il 1996 e, dunque, vedono il proprio assegno calcolato integralmente con il metodo contributivo. Il problema riguarda soprattutto i lavoratori precari. [continua ]

Jobs & Skills
C’è più lavoro, ma è senza qualità

C’è più lavoro, ma è senza qualità

Jobs & Skills

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com