Salario minimo, il ministro Catalfo insiste sui 9 euro lordi l’ora. Coinvolti 2,9 mln di lavoratori

Il M5s insiste (i 9 euro lordi l’ora sono indispensabili per contrastare il fenomeno dei lavoratori poveri), mentre i sindacati temono che un eventuale salario minimo legale indebolirebbe il loro ruolo. Contraria ‘Italia viva’. Perplessità sono emerse anche in ‘Liberi e uguali’

Salario minimo, il ministro Catalfo insiste sui 9 euro lordi l’ora

Tensione nella maggioranza sul salario minimo. Oltre all'Italia, gli unici paesi europei a non prevedere alcuna forma di salario minimo sono Austria, Cipro, Danimarca, Finlandia, e Svezia.

Il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo (M5s), ha riproposto la soglia dei 9 euro lordi l’ora. In pratica, nessun lavoratore potrebbe prendere meno di questa cifra. Che funzionerebbe da parametro per la stessa contrattazione, che quindi non potrebbe fissare minimi di retribuzione inferiori a 9 euro lordi orari, oppure si applicherebbe direttamente ai lavoratori privi di copertura contrattuale.

Nettamente contraria Italia viva, il partito di Matteo Renzi, ma perplessità sono emerse anche in Liberi e uguali ("lo schema che ci ha proposto la ministra non mi convince, dobbiamo salvaguardare il ruolo delle parti sociali", dice Guglielmo Epifani), mentre il Pd sta cercando di mediare.

Secondo l’Istat, se venisse introdotto il salario minimo a 9 euro lordi l’ora, dovrebbero essere adeguate le retribuzioni di 2,9 milioni di lavoratori per un incremento medio annuo di 1.000-1.073 euro pro-capite. Si tratterebbe in particolare di donne e giovani, e soprattutto nel Mezzogiorno e nei settori dell’artigianato e dei servizi (ma problemi ci sarebbero anche in alcune categorie dell’industria, per esempio i tessili).

Il M5s insiste: i 9 euro lordi l’ora sono indispensabili per contrastare il fenomeno dei lavoratori poveri. Ma i sindacati temono che un eventuale salario minimo legale, benché non sostitutivo della contrattazione, indebolirebbe il loro ruolo.

Le imprese, dal canto loro, giudicano la soglia dei 9 euro assolutamente insostenibile. Secondo le valutazioni dell’Istat depositate in Parlamento, il costo del lavoro per le imprese salirebbe di 4,3 miliardi di euro l’anno. Inoltre, un minimo di 9 euro sarebbe simile a quello della Germania (9,19 euro) dove però le retribuzioni sono nettamente più alte che in Italia.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Cuneo fiscale e salario minimo. Da dove iniziare?

Uno dei temi su cui i nuovi partner di governo dovrebbero più facilmente trovare un’intesa è quello del salario minimo. Nei due rami del Parlamento sono in discussione proposte di legge di Movimento 5 stelle e Pd che, pur con alcune differenze, in parte si sovrappongono. I sindacati restano contrari a qualunque intervento che vada al di là dell’estensione dei contratti esistenti. [continua ]

Jobs & Skills

quoted business

Salario minimo a 9 euro: 4,3 mln di lavoratori sotto la soglia

Sotto la soglia di 9 euro - il livello lordo cui, secondo la proposta del M5s, si dovrebbe collocare il salario minimo - si trova il 28,9% dei rapporti di lavoro. Che in termini assoluti diventano 4,3 milioni. Sono i dati presentati dal vicedirettore dell'Inps, Ferdinando Montaldi, nel corso di un'audizione alla Camera sulle risoluzioni in materia di retribuzione minima oraria. [continua ]

Jobs & Skills
Salario minimo, l'Ocse frena Di Maio: “Non è la soluzione”

quoted business

Salario minimo, l'Ocse frena Di Maio: “Non è la soluzione”

Jobs & Skills
Salario minimo, tutti entusiasti? Non proprio…

Salario minimo, tutti entusiasti? Non proprio…

Jobs & Skills

Nel secondo trimestre 470.000 occupati in meno

Tasso di disoccupazione all’8,3% nel secondo trimestre, con un calo di 0,9 punti rispetto al primo trimestre e di due punti rispetto al secondo trimestre 2019. Lo rileva l’Istat, spiegando però che il calo è legato all’incremento dell’inattività dovuta all’emergenza epidemiologica da Covid19 e al lockdown. I disoccupati sono saliti a 2.057.000. Gli inattivi tra i 15 e i 64 anni sono aumentati di 5,5 punti percentuali rispetto al primo trimestre raggiungendo quota 14.183.000 unità. [continua ]

Jobs & Skills
Da febbraio persi 500 mila lavoratori

Da febbraio persi 500 mila lavoratori

Jobs & Skills

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com