Il 27% degli italiani sarebbe povero se perdesse 3 mesi di stipendio

Le retribuzioni annue nei 35 paesi Ocse sono salite in media del 7%, e solo Grecia, Spagna e Portogallo hanno avuto riduzioni peggiori dell’Italia (passata da 39.051 euro a 37.752)

Quattordici italiani su cento vivono in una situazione di relativa povertà e quasi tre su dieci rischierebbero di finirci dentro se "solo" mancassero loro tre mesi di stipendio. È quanto emerge dalla ricerca Ocse sulle condizioni di vita e il benessere. Secondo l’organizzazione parigina il 14% della popolazione italiana vive in una situazione di relativa povertà.

D’altronde i dati sembrano parlare chiaro. Tra il 2010 e il 2018 (periodo preso in esame nel rapporto) il tasso dei disoccupati in cerca di lavoro da un anno o più è calato, in media, di oltre un punto percentuale, fino al 2,1% della forza lavoro. In Italia, è aumentato di due punti.

Nello stesso arco di tempo, le retribuzioni annue nei 35 paesi Ocse sono salite in media del 7% (pari a circa 2.700 dollari di aumento in termini reali) e solo Grecia, Spagna e Portogallo hanno avuto riduzioni peggiori dell’Italia, che è passata da 39.051 euro a 37.752 (-1.299 euro).

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com