Da febbraio persi 500 mila lavoratori

La disoccupazione giovanile torna sopra il 30%

Da febbraio persi 500 mila lavoratori

Da febbraio il livello dell’occupazione è sceso di quasi 500 mila unità e le persone in cerca di lavoro sono cresciute di circa 50 mila, a fronte di un aumento degli inattivi di quasi 400 mila.

Ma, dopo quattro mesi di flessioni consecutive e come era lecito attendersi, a luglio torna a crescere in Italia in numero di occupati, con un aumento di 85 mila unità rispetto al mese precedente. Il tasso di occupazione sale così al 57,8% (+0,2 punti percentuali).

Lievita anche il tasso di disoccupazione (dal 9,3% al 9,7% in un mese; quello giovanile dal 29,6% al 31,1%), segno che più persone si sono messe in cerca di lavoro, uscendo dalla fascia degli inattivi che aveva subito un sensibile incremento nei mesi di lockdown.  

Il tasso di inattività diminuisce, attestandosi al 35,8% (‑0,6 punti). 

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com