Visco: “Dal Covid possibile impatto permanente sulla produttività”

Tra il 1996 e il 2019 l’Italia ha fatto registrare un aumento della produttività del lavoro pari allo 0,3%. Meglio hanno fatto Germania ( 0,7%), Francia e Spagna (entrambe 0,8%)

 Visco: “Dal Covid possibile impatto permanente sulla produttività”

La crisi economica derivante dal coronavirus rischia di compromettere in maniera strutturale la produttività italiana. Lo sottolinea il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco.

Tra il 1996 e il 2019 l’Italia ha fatto registrare un aumento dello 0,3%, contro lo 0,7 della Germania e lo 0,8 di Francia e Spagna. Eppure, per crescere, sappiamo cosa occorre: investimenti, formazione, ricerca, digitalizzazione.

“Il tasso di crescita della produttività potrebbe risentire permanentemente della pandemia – ha detto Visco -. Su di esso potrebbero ad esempio influire: la ridefinizione delle catene del valore; l'uscita dai mercati di imprese profittevoli ma illiquide; la scarsità di investimenti dovuta all'incremento dell'incertezza; la riduzione della partecipazione al lavoro dovuta a fenomeni di isteresi”.

Allo stesso tempo – avverte Visco – occorre “assicurare nel prossimo decennio una rapida riduzione del debito, innalzato dagli effetti della pandemia e dalle indispensabili risposte di finanza pubblica, richiederà la massima attenzione alla qualità delle misure di sostegno dell’economia e un graduale aggiustamento dei saldi di bilancio quando le condizioni macroeconomiche saranno più favorevoli”.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com