Lavorare 4 giorni anziché 5: il Belgio valuta la redistribuzione dell’orario

Il governo ha sul tavolo una riforma del lavoro che prevede di concentrare in meno giorni le stesse ore lavorate

4 giorni di lavoro anziché 5. Si valuta la redistribuzione dell’orario

Dalla Spagna all’Islanda, passando per Unilever in Nuova Zelanda, alcuni paesi stanno valutando il taglio della settimana lavorativa da cinque a quattro giorni. Una possibilità che potrebbe ora diventare concreta realtà in Belgio.

La riforma del lavoro è al vaglio dell’esecutivo, anche se non tutti sono d’accordo. I sindacati e anche le associazioni datoriali hanno espresso molti dubbi, dal momento che è previsto un giorno di riposo in più ma con un allungamento dell’orario di lavoro giornaliero.

La misura è stata proposta dal partito liberale Open-VLD all’interno di una serie di proposte per la riforma del lavoro che il governo belga intende intraprendere e che sarà discusso nelle trattative sul bilancio per il 2022 nella coalizione a sette partiti di cui fanno parte anche socialisti, democristiani e verdi.

Secondo l’Open-VLD, l’idea di comprimere l’orario consentirebbe una migliore conciliazione tra vita professionale e lavorativa, lasciando una giornata libera in più, e sarebbe positiva per l’ambiente riducendo il pendolarismo.

Le voci critiche si concentrano soprattutto sul fatto che il carico di lavoro giornaliero aumenterebbe allungando la giornata lavorativa, dalle attuali 7 ore e 36 minuti a 9 ore e mezza. Il che non necessariamente sarebbe meglio per il benessere del lavoratore, per l’equilibrio tra lavoro e vita privata, e tantomeno per la produttività.

Così, dopo la scorpacciata di smart working e l’accelerazione digitale arrivate con la pandemia, il Belgio si unisce a un dibattito che sta guadagnando terreno in Europa.

In Spagna, la multinazionale della moda Desigual ha deciso nei giorni scorsi di introdurre la settimana di quattro giorni con salari ridotti per i suoi dipendenti. Ma il caso più rilevante riguarda l’Islanda, che tra il 2015 e il 2017 ha registrato una riduzione dell’orario di lavoro nel settore pubblico da 40 a 35 ore settimanali, ripartita su quattro giorni e senza riduzione salariale, che è stata abbinata a misure per migliorare la produttività.

Il risultato è stato un miglioramento del benessere e dell’equilibrio tra lavoro e vita privata per i dipendenti e la produttività è stata mantenuta o addirittura aumentata, secondo il think tank Anatomy. Un caso di successo che ha portato i sindacati a negoziare una riduzione dell’orario per l’86% della forza lavoro dell’isola.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

La produttività delle economie avanzate rallenta. In Italia è ferma

La produttività delle economie avanzate rallenta. In Italia è quasi ferma

Ue
Jobs & Skills

Mini-boom della produttività. L’Eurozona vicina a una svolta?

Christine Lagarde, presidente della Bce: “Se capitalizziamo questo momento, la pandemia potrebbe accelerare la crescita della produttività del lavoro di circa l'1% all'anno entro il 2024, piu' del doppio del tasso raggiunto dopo la grande crisi finanziaria”. [continua ]

Jobs & Skills
Verso una settimana lavorativa di 4 giorni?

Verso una settimana lavorativa di 4 giorni? Lavorare meno e meglio (con più produttività)

Jobs & Skills
Audi e Volvo sospendono la produzione

Audi e Volvo sospendono la produzione in Belgio

Energie & Risorse

“Se le imprese avessero la dimensione di quelle tedesche, la produttività sarebbe superiore a quella della Germania”

Tra il 1996 e il 2019 l’Italia ha fatto registrare un aumento dello 0,3%, contro lo 0,7 della Germania e lo 0,8 di Francia e Spagna. Eppure, per crescere, sappiamo cosa occorre: investimenti, formazione, ricerca, digitalizzazione. Su uno dei problemi principali dell’economia italiana, che tra l’altro è una delle cause di livelli salariali piuttosto bassi, è tornato il governatore della Banca d’Italia. [continua ]

Jobs & Skills
 Visco: “Dal Covid possibile impatto permanente sulla produttività”
quoted business

Visco: “Dal Covid possibile impatto permanente sulla produttività”

Jobs & Skills

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com