Corte europea: “Sì alle telecamere nascoste sul posto di lavoro”

Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani

Corte europea: “Sì alle telecamere nascoste sul posto di lavoro”

Un datore di lavoro può installare telecamere nascoste senza avvertire i lavoratori qualora abbia fondati sospetti che i dipendenti lo stiano derubando e che le perdite subite siano ingenti. È quanto stabilito dalla Corte europea dei diritti umani.

La Corte afferma che l'operazione di video sorveglianza condotta in un supermercato spagnolo non ha violato i diritti alla privacy dei lavoratori, licenziati dopo essere stati filmati mentre rubavano o aiutavano altri a farlo.

Tutto iniziò nel 2009 quando un manager di un supermercato spagnolo si accorse che i livelli delle scorte in magazzino e quelli del venduto non corrispondevano: in pochi mesi aveva perso circa 82 mila euro.

Per scoprire i colpevoli fece allora installare delle telecamere visibili alle uscite del supermercato e alcune nascoste puntate sulle casse. I dipendenti filmati a rubare per loro stessi o per altri furono licenziati, ma fecero causa affermando che con le telecamere nascoste era stata violata la loro privacy.

Fino alla sentenza emessa della Corte europea nei giorni scorsi.

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com