La flessibilità dei salari causa l'aumento della disuguaglianza

Secondo un nuovo studio le riforme del mercato del lavoro adottate in Germania nel corso degli ultimi anni hanno, di fatto, incrementato la polarizzazione tra i lavoratori

I salari flessibili causano l'aumento della disuguaglianza

La Bce ha suggerito per lungo tempo la necessità di adottare accordi salariali più flessibili. Il che, nelle intenzioni di Francoforte, sarebbe servito a ridurre la polarizzazione nel mercato del lavoro tra insider e outsider, alimentata da una disoccupazione elevata e persistente.

Errore fatale

Ora, da un nuovo studio presentato durante una conferenza della Bce a Sintra, in Portogallo, emerge che accordi salariali sempre più decentrati e la progressiva diminuzione dei lavoratori iscritti ad un sindacato negli ultimi due decenni hanno danneggiato i lavoratori a bassa e media formazione e tenuto a freno la crescita salariale, diventando di per sé fonte di disuguaglianza. Ciò mette in discussione il principio secondo cui sarebbe nell'interesse di un paese migliorare la propria competitività attraverso bassi incrementi retributivi per un lungo periodo.

Il caso tedesco

Anche la Germania, come altri paesi, ha aumentato la propria competitività puntando su un modesto incremento salariale negli anni più duri durante la “grande recessione”. È, così, riuscita a diminuire la disoccupazione, ma ciò è avvenuto in gran parte attraverso la creazione di posti di lavoro caratterizzati da bassa formazione (low-skilled) e modeste retribuzioni. La conseguenza è stata l’inevitabile diminuzione della produttività.

Inversione di tendenza?

Lo studio intravede, tuttavia, un (recente) segnale positivo soprattutto in Germania, dove il crollo della contrattazione collettiva osservato negli ultimi anni sembra ora al centro di un'inversione di tendenza. Berlino sembra aver capito che la via non è il progressivo smantellamento degli accordi collettivi.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com