La crisi di Lufthansa si aggrava: i posti a rischio sono 26.000

I piloti accettano il taglio del 45% del salario e chiedono in cambio che la compagnia cerchi di salvare il maggior numero possibile di posti

La crisi di Lufthansa si aggrava: i posti a rischio sono 26.000

Sono almeno 26 mila (corrispondenti a 22 mila full-time) i dipendenti che rischiano di essere licenziati da Lufhtansa. Numeri ben più alti di quelli indicati nelle settimane scorse dalla compagnia tedesca che aveva parlato di 10 mila posti a rischio.

La scorsa settimana Lufthansa aveva annunciato una vasta ristrutturazione, che include il taglio di migliaia di posti di lavoro e la vendita di attività, nel tentativo di rimborsare il salvataggio pubblico da 9 miliardi di euro e far fronte alle perdite dovute alla pandemia di coronavirus.

Nel frattempo il vettore tedesco sta cercando di raggiungere un accordo con i sindacati per far lavorare i dipendenti a tempo parziale. Nel frattempo, i piloti si sono detti disponibili ad accetterare il taglio del 45% dello stipendio, chiedendo in cambio che la compagnia cerchi di salvare il maggior numero possibile di posti.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com