Crisi d’acciaio

Thyssen annuncia 11 mila esuberi. La crisi va oltre questi numeri: l’industria metalmeccanica rappresenta da decenni, e ancora oggi, il cuore pulsante della prima economia europea e ora si trova difronte a un bivio

Crisi d’acciaio

Il colosso tedesco dell’acciaio Thyssen annuncia il taglio di 11 mila posti di lavoro, quasi il doppio di quanto preventivato nel maggio del 2019.

Lo si legge in una nota in cui viene indicato che la drastica decisione è dovuta alla necessità di “indirizzare il gruppo agli sviluppi del mercato nel lungo termine e fare fronte agli effetti del coronavirus”. Dei 6 mila posti annunciati nel 2019 il gruppo ne ha già tagliati 3.600 e punta a raggiungere quota 11 mila nei prossimi 3 anni.

Il taglio ai costi è parte della trasformazione del gruppo, resa più difficile dagli effetti della pandemia. Il 2019 si è chiuso con un utile di 9,6 miliardi grazie ai proventi della cessione del business ascensori (15 miliardi), altrimenti avrebbe registrato una perdita più pesante (5,5 miliardi contro i 250 milioni di rosso effettivamente registrati).

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com