Cottarelli: “Leggere è il nostro investimento per il futuro”

Leggere è un investimento per il futuro. Un capitale che crea ricchezza e migliora la qualità della società. A evidenziarlo è Carlo Cottarelli. Sono i dati negativi sulla lettura nel nostro paese ad averlo convinto a impegnarsi in prima linea ideando una campagna social ‘Attenzione: la lettura crea indipendenza’. Messaggi chiari e brevi video di 30 secondi affidati a attori, intellettuali, imprenditori, giornalisti, personaggi dello spettacolo e dello sport.

Cottarelli: “Leggere è il nostro investimento per il futuro”

Da Romano Prodi e Mario Monti a Tito Boeri e Massimo Cacciari, da Carlo Verdone e Paola Cortellesi a Serena Dandini e Selvaggia Lucarelli.

“La lettura di un libro richiede impegno e questo sforzo obbliga a pensare, ci rende indipendenti – spiega Cottarelli a Repubblica -. Ma siamo uno dei paesi in Europa che legge meno. Tra i libri e la Rete ci può essere una sinergia: i social danno messaggi rapidi, i libri aiutano a sviluppare un pensiero più complesso.”

Sfortunatamente “negli ultimi quindici anni abbiamo sacrificato la spesa per la pubblica istruzione – aggiunge l’economista -. Il che è problematico sia dal punto di vista sociale che economico. La scuola garantisce uguaglianza nelle opportunità, assicurando una buona base di partenza per tutti. Ci sono tanti studi che dimostrano come la spesa per l’istruzione sia la forma di spesa pubblica maggiormente correlata alla crescita nel lungo periodo.”

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

quoted business

Nel 2050 in Europa 5 milioni di posti in più

Un milione di nuovi posti di lavoro in Italia entro il 2050. A generarli, al netto di quelli persi nel frattempo, sarà il (lungo) processo di decarbonizzazione che dovrebbe vedere protagonista il nostro Paese, insieme a tutta l’Unione, nel corso dei prossimi 30 anni. L’Europa, infatti, ha dato un’accelerata: taglio delle emissioni del 55% entro il 2030 fino ad arrivare a emissioni nette zero di anidride carbonica venti anni dopo. [continua ]

Jobs & Skills
Istruzione, il mondo non è più diviso tra paesi ricchi e poveri

Istruzione, il mondo non è più diviso tra paesi ricchi e poveri

Jobs & Skills

“Se le imprese avessero la dimensione di quelle tedesche, la produttività sarebbe superiore a quella della Germania”

Tra il 1996 e il 2019 l’Italia ha fatto registrare un aumento dello 0,3%, contro lo 0,7 della Germania e lo 0,8 di Francia e Spagna. Eppure, per crescere, sappiamo cosa occorre: investimenti, formazione, ricerca, digitalizzazione. Su uno dei problemi principali dell’economia italiana, che tra l’altro è una delle cause di livelli salariali piuttosto bassi, è tornato il governatore della Banca d’Italia. [continua ]

Jobs & Skills
Ibm pronta a tagliare il 20% della forza lavoro

Ibm pronta a tagliare il 20% della forza lavoro in Europa

Jobs & Skills
Revisore e analista: ecco i lavori più pagati

Revisore e analista: ecco i lavori più pagati per i giovani che entrano nella finanza

Jobs & Skills
Il Primo Maggio del lavoro che non c’è

quoted business

Il Primo Maggio del lavoro che non c’è

Jobs & Skills

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com