Usa: boom degli occupati

A ottobre creati 128 mila posti: risultato oltre le attese (75 mila occupati). La disoccupazione resta ai minimi da 50 anni. Ma nei giorni scorsi la Fed ha tagliato i tassi di interesse

Boom degli occupati

L’economia Usa nel mese di ottobre ha creato 128 mila nuovi posti di lavoro, battendo nettamente le previsioni e nonostante il lungo sciopero (40 giorni) dei lavoratori del colosso dell’auto General Motors.

La disoccupazione resta ai minimi da 50 anni (3,6%), confermando che i rischi recessivi non sono probabilmente dietro l’angolo per la prima economia al mondo. Ma visto che i rischi complessivi permangono la Fed ha comunque deciso nei giorni scorsi di tagliare i tassi per la terza volta da luglio.

Occorre inoltre considerare che le performance avvengono in una fase di guerra commerciale e di crescita globale al ribasso. E allora da dove viene la spinta? Dai consumi interni.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com