Nuovo record del tasso di disoccupazione negli Usa: 3,5%. Il più basso dal 1969

A novembre +266.000 posti di lavoro: risultato nettamente superiore alle attese

Nuovo record del tasso di disoccupazione: 3,5%

Gli Usa hanno creato a novembre 266 mila posti di lavoro, molto più di quanto stimato dagli analisti (180 mila), portando il tasso di disoccupazione a un nuovo record: 3,5%, il minimo da 50 anni.

In questi casi, normalmente, la reazione delle Borse è negativa: perché la Federal Reserve potrebbe interpretare l’incremento degli occupati come un segnale di surriscaldamento dell’economia, optando così per una politica monetaria meno espansiva (ovvero alzando i tassi di interesse).

Ma visto che il governatore Jerome Powell ha più volte ribadito nei mesi scorsi che non procederà in tal senso, i mercati hanno reagito positivamente a questi sviluppi, premiando in particolare i titoli industriali più legati al commercio internazionale, come i tecnologici. Risultato: a fine giornata (del 6 dicembre) a New York l’indice Dow Jones ha fatto +1,22% e il Nasdaq +1%. 

C’è un ultimo aspetto da considerare. Il salto in avanti del numero dei posti si spiega in parte con il fatto che lo scorso mese sono tornati al lavoro (dopo sei settimane di sciopero) circa 50 mila dipendenti della Gm, che non erano quindi stati inclusi nel bollettino di ottobre.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com