2 giapponesi su 3 pronti a lavorare oltre l’età pensionabile

La crisi economica si abbatte nella terza economia al mondo: un paese che affronta il forte invecchiamento della popolazione e il crollo del tasso di natalità. E con una forte cultura del lavoro

2 nipponici su 3 pronti a lavorare oltre l’età pensionabile

L’andamento negativo dell’economia preoccupa i giapponesi. La maggioranza dei nipponici (64%) si dice ora disponibile a lavorare oltre la propria età pensionabile a causa soprattutto di preoccupazioni finanziarie.

In un sondaggio condotto da Nippon Life Insurance Co. che ha coinvolto 7.543 assicurati, il 38,7% ha dichiarato di voler proseguire con il proprio lavoro attuale dopo il pensionamento e il 25,3% ha dichiarato che preferirebbe cambiare tipo di attività.

Si tratta di una notizia in un paese che combatte contro una grave carenza di manodopera determinata dal rapido invecchiamento della popolazione e il crollo del tasso di natalità.

Attualmente, le aziende sono obbligate a consentire a coloro che lo desiderano di lavorare fino al compimento dei 65 anni. Dal prossimo tale limite sarà elevato a 70 anni.

Alla domanda fino a quando desidera lavorare, il 40% ha risposto in un periodo di età compresa tra i 65 e i 69 anni, seguito dal 31,2% nella fascia 60-64 anni. Circa l’11,7% ha dichiarato di essere pronto a superare i 75 anni.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com