50 mila lavoratori negli Emirati. Ecco come l’Etiopia riduce la disoccupazione

Secondo il premier etiope Abiy Ahmed, si tratta di un modo per attenuare la piaga della disoccupazione e dare la possibilità ai lavoratori di accrescere le proprie competenze. Sullo sfondo i rapporti tra i due paesi. Nel 2018 gli Emirati hanno prestato 2,6 mld all’Etiopia

50 mila lavoratori negli Emirati per ridurre la disoccupazione

50 mila lavoratori saranno inviati negli Emirati Arabi Uniti come parte di un programma per modernizzare la forza lavoro. Lo ha annunciato il primo ministro etiope Abiy Ahmed che in questo modo intende ridurre la disoccupazione nel suo paese.

Il premier ha chiarito che, oltre a quelli già previsti, sono in corso negoziati per l'invio di 200 mila lavoratori in tre anni. E ci sarebbero alla finestra, come paesi destinatari, anche alcuni Stati europei e il Giappone.

L’idea dell’esecutivo è che in tal modo gli etiopi potranno guadagnare salari migliori e saranno in grado di perfezionare le loro capacità, prima di ritornare ricchi di know-how nel proprio paese di origine.

Sullo sfondo le relazioni geopolitiche tra i paesi dell’Africa orientale e quelli mediorientali. E, in particolare, tra Etiopia ed Emirati Arabi Uniti, che nel 2018 si sono impegnati a iniettare 2,6 miliardi di euro nelle casse etiopi. Una possibile parziale spiegazione dell’originale modo scelto dal paese africano per ridurre la disoccupazione.

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com